Mercoledì, 29 Settembre 2021
Politica Gallipoli

Schirosi: "Risolleveremo le sorti della nostra città"

Gallipoli: il candidato sindaco del centrosinistra presenta le linee guide del programma elettorale. "Governeremo per 5 anni. Le liste? Solo problemi di abbondanza". Le liste: "E' la scelta migliore

Sorridente, gioviale, cortese come sempre. Gino Schirosi, il "professore" come comunemente conosciuto in città, si presenta. Risponde a quanti lo hanno ritenuto ingenerosamente uno "sconosciuto" allegando alla sua bozza di programma, una corposa biografia. E poi passa ad illustrare in compendio le dieci priorità programmatiche di immediata attuazione per "il rilancio della città". E' la prima uscita pubblica per il candidato sindaco del centrosinistra gallipolino che nel tardo pomeriggio di ieri dalla sala dell'hotel Bellavista ha lanciato la sua sfida: "Siamo pronti a governare per cinque anni e ridare alla città di Gallipoli quella autorevolezza e quella dignità politica e sociale che in questi ultimi tempi si è andata ingloriosamente perdendo". Una sfida permeata di determinazione quella lanciata da professor Schirosi, con i toni intellettuali che lo caratterizzano e senza nessuna sbavatura oltraggiosa nei confronti della parte politica avversa. Segnale inequivocabile che il centrosinistra cittadino pensa interamente a portare avanti la sua programmazione e i suoi ideali, piuttosto che perdersi in sterili polemiche tipiche "dell'imbarb-arimento" della politica a tutti i livelli.

Presentazione che è stata l'occasione anche per i partiti della coalizione per ribadire l'unità di intenti e sgomberare il campo da possibili "voci" di destabilizzazione interna. Pd, Partito Socialista, e Sinistra Arcobaleno hanno fatto quadrato sulla scelta di Gino Schirosi sindaco: "E' sicuramente la scelta migliore che si poteva esprimere. E sia chiaro un concetto basilare, stiamo lavorando alla composizione delle liste e non abbiamo altro tipo di problema se non quello di abbondanza....Partendo dagli otto uscenti". Dalla cattedra alla poltrona più alta di palazzo Balsamo, Schirosi si dice compiaciuto che finalmente un rappresentante del mondo della scuola concorra per la guida politica della città. "Vorrei che si puntasse l'attenzione sugli aspetti nuovi del nostro programma" dice Schirosi, "che ci sono e sono molti". Una illustrazione sintetica ha evidenziato già alcune delle priorità sulle quali il centrosinistra ha orientato la sua programmazione, con particolare riferimento alle scelte "oculate" di politica finanziaria e tributaria, sull'emergenza abitativa con un piano di Edilizia economica e popolare, sull'attuazione degli strumenti di partecipazione democratica (Consulte tematiche, difensore civico, referendum consultivi, commissione pari opportunità), delle politiche di rilancio del centro storico, delle politiche sociali e della salute, su ambiente e igiene pubblica, sul turismo e con l'istituzione dell'Ufficio Pesca e la rivalutazione del marcato ittico all'ingrosso.

Elencazione di un programma analitico (depositato a breve in Comune) che sarà sviscerata poi nel dettaglio nella convention di presentazione delle liste e del programma stesso che si svolgerà nei prossimi giorni. "Gallipoli ha urgente bisogno di scrollarsi di dosso lunghi anni di lassismo politico e amministrativo che hanno determinato guasti gravissimi, obbligandola ad una sorta di isolamento rispetto ad altre realtà territoriali limitrofe che invece hanno conosciuto un relativo progresso" chiosa il professor Schirosi. Per il portavoce della Sinistra Arcobaleno, Pompeo Demitri, prossimo candidato alla Camera dei deputati per il suo schieramento di riferimento, "in nome della migliore sintesi e del rinnovamento e dell'apertura alla città abbiamo fatto un passo indietro su indicazioni interne ai partiti e abbiamo offerto l'esperienza, la passione civile e l'impegno di una persona stimata e conosciuta come portatore di valori indiscutibili e pronto a dare una alternativa valida al deserto amministrativo offerto in questi anni da altre forze politiche di questa città". Per Biagio Palumbo della dirigenza cittadina del Partito Socialista: "bisogna tenere conto che c'è un allargamento verso la società gallipolina, ovvero è la prima volta che le forze del centrosinistra locale dal 93 ad oggi, da quando cioè si vota con questo sistema elettorale, porta come suo candidato sindaco una personalità esterna ai partiti. Sintomo che noi siamo aperti e disponibili alle innovazioni della politica e alla collettività, e abbiamo scelto una figura di sintesi convinti che con lui faremo molta strada in avanti e convinti altresì di vincere queste elezioni e tornare a palazzo Balsamo dopo otto anni e di avviare una nuova strategia per la vita di questa città, che ha bisogno di molti cambiamenti ma soprattutto di serietà, di onestà e di rigore che il nostro candidato sindaco rappresenta in toto". E domenica è già campagna elettorale con l'annunciato comizio del capogruppo provinciale del Pd, Flavio Fasano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Schirosi: "Risolleveremo le sorti della nostra città"

LeccePrima è in caricamento