Domenica, 25 Luglio 2021
Politica

Scioglimento di Alba Service: botta e risposta tra Rampino e D’Autilia

Il consigliere Pd propone di discutere per comprendere meglio gli aspetti normativi correlati alla “spending review”, rifacendosi a quanto sostenuto dal vecchio segretario generale. Risposta dell’amministratore: “Parere superato”

Damiano D'Autilia

LECCE - Scioglimento della società partecipate e destino di Alba Service: il tema torna al centro del dibattito politico provinciale, con la richiesta del consigliere del Pd, Alfonso Rampino, di convocare la commissione competente per approfondire tutti gli aspetti normativi inerenti alla questione e la successiva replica dell’amministratore unico, Damiano D’Autilia.

Nella richiesta, Rampino sottolinea come l’approssimarsi del 31 dicembre renda sempre più attuale il problema delle società partecipate che, stando all’articolo 4 del disegno di legge 95 (la cosiddetta “spending review”), dovrebbero andare incontro allo scioglimento oppure all’alienazione con procedure di evidenza pubblica: “Tali disposizioni – chiarisce il consigliere Pd - non si applicano alle società che svolgono servizio di interesse generale, anche aventi rilevanza economica”.

“Proprio partendo da quest’ultima precisazione – prosegue - è opportuno sottolineare che l’attività svolta da Alba Service  può essere distinta in due diversi rami: a) servizi di interesse generale; b) servizi strumentali all’attività dell’ente proprietario. Non c’è dubbio, infatti, che l’attività di manutenzione di strade, di ripristino di sedi stradali post incidenti e soprattutto la manutenzione di edifici d’uso pubblico, quali le scuole, siano da considerare nella prima categoria suddetta”.

A conforto di ciò, tra gli atti c’è un parere dell’allora segretario generale che, richiamando la delibera della giunta provinciale 107 dell’aprile 2008, confermava, come sottolinea Rampino, come in Alba Service fossero presenti entrambe le tipologie di servizi: “Alla luce di quanto sopra ricordato – conclude Rampino -, è chiaro che lo sforzo che tutti insieme dobbiamo compiere, soprattutto a tutela dei livelli occupazionali, non può non tenere conto di tale argomentazione che, in un quadro ancorché incerto quale quello attuale, rappresenta comunque un appiglio normativo che doverosamente dobbiamo approfondire”.

L'amministratore unico di Alba Service, Damiano D’Autilia, replica ai rilievi di Rampino, evidenziando come il parere a cui si fa riferimento sia stato abbondantemente superato dalla spending review: “Purtroppo – spiega - il parere chiamato in questione, a mio avviso e dei tanti commentatori che dibattono ogni giorno sulla questione, è stato abbondantemente superato dalle prescrizioni contenute dalla spending review; che la concessione della deroga comporta una analisi del territorio, che ne descriva l'assetto sociale ed economico, tale da motivare l'antitrust a concedere la deroga alla legge; che indicazioni sulle società che possono godere di un piano di ristrutturazione sono state date, ma riguardano società partecipate che ottengono affidamenti non inferiori ai 200mila euro (e non è il caso di Alba Service)”.

D’Autilia apprezza il tentativo di distendere gli animi e di tranquillizzare i lavoratori, ma il destino di Alba Service “non può e non deve restare appeso a un cavillo legislativo”: “Tutti gli attori sociali – aggiunge - devono fare la loro parte e dare il giusto peso a una situazione che è critica e delicata. Da manager sono convinto che la partecipata della Provincia di Lecce dia una valido contributo al nostro territorio, in fatto di servizi e di presenza. Sono anche consapevole che sono in tanti a crederlo: purtroppo, però, non saremo noi a deciderne le sorti”.

“La situazione – asserisce - è extraterritoriale e interessa società partecipate di tutto il Paese che, più o quanto Alba Service, sono fondamentali per lo svolgimento di servizi fondamentali. Muoviamoci insieme, senza sminuire una questione che, al contrario, nei prossimi mesi chiamerà tutti noi a grandi sforzi e a una seria riflessione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scioglimento di Alba Service: botta e risposta tra Rampino e D’Autilia

LeccePrima è in caricamento