rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Politica Cavallino

Da un piccolo circolo al rischio di smottamento. Scontro nel Pd

La rimozione del segretario a Cavallino ha innescato una serie di reazioni contro la decisione di Piconese

LECCE – Monta la tempesta in casa del Partito Democratico. Il commissariamento del circolo di Cavallino ha innescato una serie di reazioni tra i principali esponenti salentini: da ultimo quella del deputato Salvatore Capone.

La scorsa settimana il segretario provinciale Salvatore Piconese ha rimosso dall’incarico Roberto Serra, a pochi mesi dal voto per il rinnovo del consiglio comunale. Il motivo dello scontro risiede proprio nella ricerca delle alleanze.

Cavallino è il feudo storico di Gaetano Gorgoni, già sindaco, deputato del Partito Repubblicano e sottosegretario di Stato. Attualmente è assessore alla Cultura. Secondo il segretario provinciale, Salvatore Piconese, la linea politica di Serra condannerebbe il Pd a essere “stampella di poteri vecchi e consolidati” mentre urge un'azione politica per aprire una nuova fase di cambiamento in cui il Pd diventi protagonista, uscendo dalla marginalità e dallo stallo in cui l'ex segretario cittadino lo aveva relegato”. Per il segretario di Cavallino invece la sua colpa è quella di aver detto no ad un’apertura a forze politiche anche di destra.

Secondo il consigliere regionale Sergio Blasi, invece, "agendo al di fuori dello statuto, e violando il sacrosanto diritto di un circolo di autodeterminarsi, la segreteria provinciale ha nominato un trio di commissari pronti a traghettare il Pd al seguito di una candidata sindaco di fede politica missina e in coalizione con Forza Italia. Una operazione che segna la morte della politica e l’inizio della lotta per il potere fine a sé stesso. La messa in soffitta della militanza per lo sdoganamento definitivo dell’inciucio”.

Questa versione dei fatti è stata smentita dal segretario provinciale che ha anzi accusato Serra di aver sostenuto "nel corso delle varie riunioni l'ipotesi di costruire una lista civica allargata, capace di includere il Pd e altre forze di estrazione diversa dal centrosinistra”. Questo fino a ieri, mentre è di oggi la presa di posizione di Salvatore Capone che parla senza remore di violazione palese dello statuto del partito.

“In gioco – ha spiegato il parlamentare - non è solo l’operato del segretario di circolo, l’amico Roberto Serra, ma l’agibilità politica stessa di un partito e dei suoi iscritti, dei suoi militanti. A meno di non voler mortificare l’esistenza del Pd sul territorio, vale la pena ribadire la necessità e l’urgenza di un confronto sulle prossime consultazioni elettorali anche per affrontare nel modo più ampio e corretto possibile il nodo alleanze”.

“Un confronto di cui l’intero partito avverte il bisogno – ha proseguito Capone - perché gli appuntamenti elettorali non siano questione di pochi ma coinvolgano l’intero corpo del partito sul territorio e possano trasformarsi in incontro pieno con le elettrici e gli elettori”. Per i prossimi giorni è lecito dunque attendersi sviluppi, anche perchè questa vicenda, come altre in passato, sembra riportare in superficie la contrapposizione tra la varie anime del partito che si è consumato, prima, durante e dopo la fase congressuale che nel novembre del 2013 ha portato all'elezione di Piconese.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da un piccolo circolo al rischio di smottamento. Scontro nel Pd

LeccePrima è in caricamento