Martedì, 15 Giugno 2021
Politica

Blasi suona la sveglia: "Venti giorni di silenzio, pronto alla primarie con Stefano"

L'ex segretario generale del Pd ribadisce di essere più che disponibile alla competizione interna e cita il senatore eletto con Sel

La sede del Pd.

LECCE – Sergio Blasi sollecita il Pd a darsi una sveglia dopo venti giorni dal primo e unico incontro che le forze che si riconoscono nel centrosinistra hanno tenuto. E rispetto al quale l’Udc dà già qualche segnale di freddezza, con l’ipotesi di un’aggregazione di area popolare circolata in questi ultimi giorni.

L’ex segretario generale, che ha dato già la sua disponibilità a partecipare alle primarie, va oltre e indica in Dario Stefano l’auspicato avversario: “Lo stesso che pochi giorni fa, nel programma di Concita De Gregorio, ha fatto comprendere al pubblico televisivo leccese che la sua candidatura è una possibilità concreta. Mi chiedo perché, allora, dobbiamo essere costretti ancora ad assistere da un lato al silenzio di Stefàno, dall’altro al tatticismo goffo di persone che danno l’impressione di non saper che pesci pigliare”.

“Affidarsi ai ‘domani faremo’ o agli ‘stiamo decidendo’ o fissare le primarie per le calende greche, con l’obiettivo reale di non farle mai, non mi sembra un comportamento credibile per una coalizione che ha già tanto da recuperare. E soprattutto non mi sembra rispettoso delle persone che l’anno prossimo potrebbero votare per il centrosinistra a Lecce. E che guardano questo spettacolo con crescente sconcerto”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Blasi suona la sveglia: "Venti giorni di silenzio, pronto alla primarie con Stefano"

LeccePrima è in caricamento