Centro diurno per disabili, lavoratori non pagati e disagi per le famiglie

Gli operatori di Squinzano non ricevono lo stipendio da sei mesi. Diffida della Funzione pubblica Cgil: “Comportamento inspiegabile”. Chiesto intervento ad Asl, prefettura, ambito di zona e sindaco: “Necessaria soluzione per ridare serenità a lavoratori e famiglie”

Foto di repertorio (@TM News/Infophoto)

SQUINZANO : Sono 11 operatori qualificati, impegnati nel centro diurno per disabili “Ottavo giorno” di Squinzano (Le). Undici operatori che si occupano, con grande senso del dovere e di responsabilità, dei numerosi utenti a loro affidati e con i quali hanno stabilito un rapporto diretto di fiducia, così come con i loro genitori, indispensabile per il loro equilibrio e benessere; questo nonostante le gravissime difficoltà vissute da loro e dalle proprie famiglie. Questi lavoratori, infatti, non ricevono lo stipendio dal mese di novembre 2014.

La denuncia arriva dalla Funzione pubblica Cgil Lecce che esprime forte preoccupazione sulla situazione in cui attualmente versa il centro diurno, di cui è titolare l'organizzazione di volontariato “Agape” di Cavallino ed affidato da quest'ultima, per la sola gestione, alla cooperativa “SuperAbile”. “Inspiegabilmente questi operatori non vengono retribuiti ormai da novembre dello scorso anno - spiega Fiorella Fischetti, segretaria della Fp Cgil Lecce - accumulando finora ben sei mensilità arretrate. Quest’arretrato ha messo in gravissime difficoltà i lavoratori e le loro famiglie, mettendo a rischio ormai il sostentamento delle stesse”.

Il tutto è stato messo nero su bianco dal sindacato di categoria che ha scritto una lettera di diffida alla “Agape” e alla cooperativa “SuperAbile”, inviandola, per conoscenza dei fatti, anche al prefetto, al direttore generale della Asl di Lecce e al direttore del distretto di Campi Salentina, all’ambito sociale di zona e al sindaco di Squinzano.

“Malgrado i nostri tentativi di giungere a un accordo tra gli operatori, la cooperativa SuperAbile e l'organizzazione di volontariato “Agape”, affinché quest'ultima procedesse al trasferimento dei finanziamenti, di cui è la sola destinataria, alla cooperativa SuperAbile, in modo che la stessa potesse provvedere al pagamento per il recupero delle mensilità arretrate agli operatori, ma anche al ripristino del normale funzionamento del centro, carente oramai delle forniture più elementari, tali tentativi non sono finora andati a buon fine, a causa di ripetuti rinvii della suddetta organizzazione “Agape”, spiega nella lettera la Fp Cgil che pertanto “diffida codesti due enti, la cooperativa “SuperAbile” in qualità di ente gestore e “Agape”, in qualità di ente erogante il finanziamento, a procedere oltre in un atteggiamento che è lesivo della condizione dei lavoratori e sollecita una urgente risoluzione della questione sollevata, dando regolarmente corso al pagamento della mensilità arretrate dal novembre 2014 ad oggi”.

In caso di mancato adempimento entro cinque giorni l’organizzazione sindacale  fa sapere che “attiverà tutte le azioni a tutela dei lavoratori e sarà costretta a fare ricorso alla competente autorità giudiziaria”. La Fp Cgil sollecita inoltre gli enti che leggono per conoscenza “e direttamente interessati all'invio degli utenti nel centro in questione, ad attivarsi al fine di individuare e rimuovere gli eventuali ostacoli che ne impediscano il normale e corretto funzionamento, al fine di ripristinare una situazione di serenità tanto per i lavoratori, che in esso operano, tanto per gli utenti e i loro genitori, i quali sono stati inevitabilmente coinvolti in tale stato di cose”.

In particolare al prefetto, Giuliana Perrotta, il sindacato di categoria chiede “un suo autorevole intervento per la migliore risoluzione della delicata vicenda”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento