Martedì, 19 Ottobre 2021
Politica

Provincia ad un bivio. Cgil: “Allarme per i servizi garantiti ai cittadini”

I sindacati hanno discusso con l'ente di Palazzo dei Celestini dei risvolti negativi della legge Delrio: servizi affidati ad altri enti. Cgil: "Si continua a tagliare la spesa pubblica, ma non accetteremo la perdita di neppure un solo posto di lavoro"

LECCE – Una situazione economica complessa è quanto emerso dalla riunione che la Provincia di Lecce ha tenuto, questa mattina, a Palazzo dei Celestini, con alcune organizzazioni sindacali. Una situazione che interessa certamente l’ente di via Umberto I, investito da un processo riformatorio importante, “ma che soprattutto riguarda in maniera preoccupante i cittadini”, ha fatto sapere la Cgil.

“Di fatto il presidente della Provincia lancia l’allarme sulla possibilità che l’ente possa garantire, a partire dal primo gennaio 2015, servizi importantissimi per i cittadini, dall’apertura dei Centri per l’impiego, agli uffici per la formazione professionale, fino alla manutenzione delle scuole e delle strade: tutti quei servizi cioè che la legge Delrio allocherebbe ad altri enti.

Riteniamo condivisibile, al netto di qualsiasi strumentalizzazione, la preoccupazione  relativa a scelte che da tempo penalizzano le autonomie locali. A fronte di questo, ci troviamo con un processo riformatorio che, ad oggi, risulta incompleto e confuso”, hanno fatto sapere i portavoce del sindacato.

Dall’organizzazione sindacale hanno anche puntato il dito contro la manovra di stabilità che continua  a tagliare e ridurre gli investimenti pubblici “che, invece, creerebbero occupazione”. Dalla segreteria della Cgil hanno, inoltre dichiarato, tramite una nota, che “ è necessario rivendicare, in maniera sinergica, un cambio di rotta netto nei confronti del Governo le cui scelte, riforma Delrio compresa, trascurano completamente i riflessi nei luoghi di prossimità con i cittadini. Chiediamo al presidente della Provincia e alle altre istituzioni  di interpretare un livello alto di responsabilità del proprio ruolo affinché il percorso riformatorio sia governato lealmente”.

“on accetteremo e non permetteremo che venga messo in discussione nemmeno un posto di lavoro o che i lavoratori subiscano penalizzazioni di alcun tipo sul lavoro. La mobilitazione della Cgil, che nei prossimi giorni continuerà, sarà tesa anche a rappresentare non solo le aspettative dei lavoratori direttamente interessati, ma anche la richiesta del potenziamento dei servizi pubblici nel nostro territorio”, hanno concluso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Provincia ad un bivio. Cgil: “Allarme per i servizi garantiti ai cittadini”

LeccePrima è in caricamento