rotate-mobile
Il dibattito

Bradanico-Salentina, in regione confronto coi sindaci sul progetto a quattro corsie

L’assessore ai trasporti Maurodinoia ha incontrato i primi cittadini del Nord Salento per discutere sulla tratta che va da San Pancrazio a Lecce. Critico il centrodestra: “Si sveglia dal letargo”

BARI/LECCE – Il progetto a quattro corsie per l’ammodernamento della statale 7ter Bradanico-Salentina, dopo gli appelli dei giorni scorsi, approda in Regione con il confronto, avvenuto ieri, tra l’assessora ai trasporti, Anita Maurodinoia e i primi cittadini del Nord Salento: sul tavolo una richiesta al Ministero competente per portare a quattro corsie la tratta che va da San Pancrazio Salentino a Lecce.

All’incontro hanno partecipato i sindaci del Comune di Guagnano, Francois Imperiale, di Trepuzzi, Giuseppe Taurino, di Campi Salentina, Alfredo Fina, e l’assessore al Bilancio del Comune di Salice Salentino, Amedeo Rosato. Con l’occasione l’assessora regionale ha ripercorso il complesso iter di una progettualità frammentata in più lotti/stralci, finanziati con fondi rinvenienti da diversi cicli di programmazione economica, e ha condiviso con i sindaci l’opportunità di portare davanti al ministero delle infrastrutture e dei trasporti l’esigenza di progettare e realizzare una viabilità a quattro corsie nel lotto ancora in fase di progettazione preliminare, ovvero proprio quello da San Pancrazio sino a Lecce.

Dopo la nota del primo febbraio scorso con cui l’assessora Maurodinoia chiedeva al Ministero di valutare l’adozione di una categoria stradale di tipo “B” (a quattro corsie) piuttosto che di tipo “C” (a due corsie), come da progetto Anas, per il tratto suddetto, parte quindi la richiesta ufficiale di un incontro con il ministro.

“Insieme ai sindaci potremo rappresentare le ragioni relative all’opportunità di portare a quattro corsie la tratta – ha dichiarato l’assessora –, una soluzione che potrebbe valorizzare maggiormente il territorio sotto il profilo dello sviluppo economico, industriale e turistico. È bene ricordare che il progetto è finanziato con un contratto di programma tra Anas e MIT, che non prevede il coinvolgimento diretto della Regione. Ma questo non significa che non seguiamo con interesse la situazione e oggi abbiamo ribadito ai sindaci la piena disponibilità a rappresentare le loro esigenze”.

Resta critico a margine dell’incontro il centrodestra con una nota firmata da Paolo Pagliaro, Luigi Caroli, Giacomo Conserva, Gianfranco De Blasi, Massimiliano Di Cuia, Antonio Gabellone, Paride Mazzotta, Renato Perrini, Antonio Scalera: “Dopo aver fatto orecchie da mercante alle nostre sollecitazioni a dar seguito agli impegni assunti per il raddoppio della statale 7 ter Bradanico-Salentina, l’assessora ai trasporti Maurodinoia – scrivono - si sveglia dal letargo e convoca tavoli con i sindaci dei comuni interessati, che protestano per le scelte della Regione di tirare dritto con i lavori di semplice messa in sicurezza del tracciato esistente, a due corsie”.

I consiglieri ricordano di aver chiesto a inizio dicembre la convocazione urgente in audizione in Commissione Trasporti del consiglio regionale sull’opera avviata da circa trent’anni e ancora in cantiere e di come l’assessora si fosse impegnata a sollecitare il Nucleo di valutazione regionale a rivedere l’analisi costi-benefici che aveva escluso la realizzazione della strada a quattro corsie Lecce-Taranto fra le opere prioritarie: “Ma nulla – sottolineano - è stato fatto”.

“Adesso, e solo adesso – proseguono -, dopo la protesta del territorio jonico-salentino per la decisione della Regione di andare avanti sul progetto di messa in sicurezza del tracciato a due corsie mettendo una pietra tombale sul raddoppio, l’assessora Maurodinoia si decide ad incontrare i sindaci del Nord Salento e ad aprire un’interlocuzione con il Ministero dei Trasporti per portare a quattro corsie la tratta da San Pancrazio Salentino a Lecce. La nostra azione di pressing finalmente ha scosso la Regione dal suo lungo torpore. Ora non si perda altro tempo e si vada avanti con il progetto del raddoppio della statale 7 ter a quattro corsie. Dopo quarant’anni di attesa, la pazienza è finita”.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bradanico-Salentina, in regione confronto coi sindaci sul progetto a quattro corsie

LeccePrima è in caricamento