rotate-mobile
Il dibattito social del momento

Ztl continua, il sindaco a Confcommercio: "Si fa, ma solo dopo altri interventi"

Un atto di indirizzo della giunta ha indotto alcuni a ritenere imminente l'eliminazione delle fasce ad accesso libero. Il sindaco incontra i vertici dell'associazione per chiarire l'iter: prima il parcheggio ex Enel e nuove linee dei bus

LECCE - L'estensione alle 24 ore della zona a traffico limitato nel centro storico di Lecce si farà, perché fa parte del programma con cui l'allora candidato Carlo Salvemini si presentò al giudizio degli elettori, ma non vi è alcun conto alla rovescia perché quell'esito sarà il tassello finale di un percorso in tema di mobilità che è ancora incompleto. 

Il sindaco, insieme agli assessori Marco De Matteis e Paolo Foresio, ha incontrato oggi i vertici di Confcommercio Lecce - il presidente Maurizio Maglio, il vice Carmine Notaro e il direttore, Federico Pastore - per chiarire i contorni di una questione che è diventata improvvisamente bollente dopo l'approvazione in giunta di un atto di indirizzo indispensabile per ottenere l'autorizzazione del ministero delle Infrastrutture all'installazione di nuove telecamere, presso i varchi attualmente sprovvisti di controllo, per la videosorveglianza, giorno e notte. Quel provvedimento è stato interpretato da qualcuno come il segnale di un imminente varo della Ztl continua. 

Prima altri interventi

Salvemini ha ricordato quali sono i passaggi che devono essere perfezionati prima di un passo del genere: “L’apertura della nuova area di sosta Ex Enel, adiacente al centro storico; l’entrata in esercizio del nuovo piano di trasporto pubblico locale con la nuova Sgm totalmente pubblica, che prevede linee razionali di collegamento tra il centro e i quartieri e frequenze di passaggio dei mezzi pubblici notevolmente incrementate; il nuovo piano di videosorveglianza in ingresso ed in uscita dalla città storica con la previsioni di nuovi varchi. Un mosaico di interventi che vanno a comporre un sistema di mobilità più efficiente per assicurare a tutta la città migliori possibilità di sviluppo, qualità della vita, minore impatto ambientale. E che si compone anche di altri tasselli, come l’investimento sulla sicurezza di ciclisti e pedoni e sullo sharing elettrico". Insomma, non è un tema all'ordine del giorno perché ci vorranno nella migliore delle ipotesi alcuni mesi. 

Per ora non cambia nulla e, del resto, il tema delle operazioni di carico e scarico non subirà variazioni: che siano 18 o 24 le ore di Ztl, saranno sempre consentite nelle fasce prestabilite, previa autorizzazione. Grandi polemiche, con una vasta eco sui social, sono nate dopo la protesta dei titolari della storica enoteca "Pippi Nocco" (via del Palazzo dei Conti di Lecce) che, con la Ztl continua, temono di perdere quei clienti che in auto vi si recano, sfruttando le attuali due finestre giornaliere in cui l'accesso ad alcune strade del centro storico (tra cui quella dell'attività in questione) è libero anche per chi non ha titoli per richeidere il pass. 

Stoccata: "Non giova l'attivismo propagandistico"

Secondo Salvemini qualcuno ha soffiato in maniera strumentale su quei malumori non privi di netti giudizi politici: "Non fa bene a nessuno, tanto meno ai commercianti del centro storico, l’attivismo propagandistico nel quale alcuni si esercitano, evidentemente per fini diversi dalla rappresentanza di categoria o dall’interesse generale. In questi giorni – come spesso accade, purtroppo – le rappresentazioni caricaturali, le catastrofi evocate hanno ignorato il merito e la tempistica dei provvedimenti, delle procedure in atto, delle attività nelle quali il Comune è impegnato. Ho invitato Confcommercio quindi a trasferire questo messaggio di chiarimento ai propri associati. La mia amministrazione rivendica con forza il lavoro svolto finora in direzione della mobilità sostenibile e di una maggiore protezione della città storica. Consapevole che ogni scelta comporta una quota di dissenso ma allo stesso tempo forte del mandato ricevuto dagli elettori”.

La nota dell'associazione: "Incontro proficuo"

La posizione di Confcommercio è stata poi riassunta da Notaro in una nota. L’associazione di categoria, che ha comunque ribadito la sua contrarietà all'adozione di una Ztl integrale, ha giudicato proficuo l’incontro anche perché sono state accennate ipotesi di attenuazione del provvedimento, come l’entrata in vigore della Ztl h24 solo in determinati periodi, come i fine settimana o quelli a maggiore presenza di turisti. Nel pomeriggio c’è stata poi una seconda riunione con gli operatori associati e tutti si sarebbero detti confortati dalle rassicurazioni fornite dal sindaco.

Mrs: "Proporremo soluzioni alternative" 

Presso la sede del Movimento Regione Salento, alla presenza del consigliere regionale Paolo Pagliaro, si è poi tenuta il giorno dopo una riunione per dialogare sull'argomento molto disucsso fra artigiani, professionisti, commercianti e residenti. Presenti all’incontro il coordinatore cittadino del Mrs, Giancarlo Capoccia, i consiglieri comunali Andrea Guido, Roberto Giordano Anguilla, Giorgio Pala, Oronzo Tramacere e Gianmaria Greco, oltre ad alcune associazioni di commercianti e residenti del centro storico.

4ab755fc-fe40-4ad8-9c1f-70ce4a2aaac9-2

Il punto di vista è stato unanime ed è emerso il parere favorevole a una valorizzazione del centro storico, ma che non comporti la morte delle attività commerciali, l’isolamento dei residenti e la desertificazione della zona. L’incontro è servito per elaborare soluzioni alternative. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ztl continua, il sindaco a Confcommercio: "Si fa, ma solo dopo altri interventi"

LeccePrima è in caricamento