“Sfregio” alla polizia municipale, il sindaco solidarizza: “Gesto inqualificabile”

Il primo cittadino leccese interviene sull'episodio che, martedì, verso mezzogiorno, ha visto un'auto di servizio colpita da un pallino di piombo che ha infranto i due vetri laterali posteriori, in piazza Ludovico Ariosto

LECCE – Il sindaco di Lecce, Paolo Perrone, ha voluto manifestare la sua vicinanza al corpo di pulizia municipale dopo l’episodio che si è registrato ieri in piazza Ludovico Ariosto. Intorno a mezzogiorno i due vetri posteriori di un’auto di pattuglia sono stati infranti da un pallino di piombo, di un centimetro di diametro, che è entrato da una parte ed è uscito dal lato opposto della vettura. Per fortuna i due agenti di servizio erano all’esterno del mezzo.

“Un atto vile e deplorevole che colpisce l’amministrazione comunale – ha dichiarato il primo cittadino -. Condanniamo con fermezza quanto accaduto ieri a due passi dal centro cittadino. Si tratta di un gesto grave e inqualificabile. Non è la prima volta che gli agenti di polizia municipale finiscono nel mirino di balordi e teppisti, vittime di un clima ostile e preoccupante. E’ il caso di ricordare che ogni giorno gli agenti compiono il loro dovere per disciplinare il traffico e assicurare l’ordine pubblico in città, con sacrifici e abnegazione. Per questa ragione esprimo sentimenti di solidarietà nei confronti del comandante Donato Zacheo e dell’intero corpo di polizia municipale.  Mi auguro che in futuro non si registrino più simili deprecabili episodi che turbano il quieto vivere di una comunità civile come quella leccese”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al momento sono in corso le indagini – sul posto sono intervenuti anche gli uomini della polizia scientifica – per cercare di risalire all’autore del gesto e all’eventuale arma utilizzata: una pistola compressa, una fionda o altro?  Resta poi da capire dove e da quale altezza sia partito il pallino. Le immagini di videosorveglianza presenti in zona potrebbero contribuire a chiarire molti aspetti anche se Antonio De Iaco, coordinatore provinciale del Diccap - Sulpm, Sindacato unitario dei lavoratori della polizia municipale e locale, ha auspicato la collaborazione di esercenti e residenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento