rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Dibattito in città / Otranto

Sindaco sospeso a Otranto, chiesto consiglio comunale urgente

Il gruppo di opposizione alla luce della decisione del Riesame di confermare la misura restrittiva nei confronti del primo cittadino Pierpaolo Cariddi chiede un confronto nell’assise: “Riflettere sulla vicenda e gli scenari futuri”

OTRANTO – Un mese senza sindaco e tanta incertezza sul futuro: è un’estate anomala quella che sta vivendo Otranto, per la sospensione dall’incarico del primo cittadino (peraltro rieletto a giugno), Pierpaolo Cariddi, per effetto della legge Severino dopo il coinvolgimento dello stesso nell’inchiesta denominata “Re Artù” e la misura restrittiva disposta del divieto di dimora in città per il filone legato al ripascimento dell’arenile al lido Atlantis.

Il Tribunale del Riesame, com’è noto, nei giorni scorsi, ha riconfermato la misura restrittiva a carico del primo cittadino, che sarà ancora costretto a restare lontano da Otranto in attesa dell’ulteriore valutazione sul procedimento, affidata alla Cassazione. Una situazione che, al di là degli sviluppi giudiziari e personali su cui ovviamente sono a lavoro le parti, si sta riversando sulla vita amministrativa locale.

È alla luce di questo e dopo i consigli comunali tenutisi senza il primo cittadino, sostituito nell’occasione dalla vice, Cristina De Benedetto, che il gruppo di opposizione “Otranto è di tutti” chiede che si apra un dibattito di merito nell’assise su quanto sta avvenendo a livello amministrativo.

Il capogruppo, Luca Bruni, mette, però, subito le mani avanti, nell’avanzare la richiesta: “Nessuno vuole anticipare giudizi di colpevolezza ed è sacrosanta la presunzione d'innocenza. Senza se e senza ma. Il punto non è questo. Ma che, a torto o a ragione, il Comune è ormai da un mese senza il sindaco e proprio all'avvio del programma di mandato”.

“È quindi – prosegue - una situazione, di cui sono incerti tempi ed esiti, che non può essere esclusa dalla discussione politica e che necessita invece una riflessione profonda per la sua eccezionalità e gravità”.

Da qui, è maturata nella giornata di ieri la proposta di convocare un consiglio comunale urgente per aprire un “confronto serio sulla vicenda e sugli scenari futuri”: “Ci attendono – precisa Bruni - una serie di sfide nuove e complicate, oltre alle emergenze tipiche di ogni estate. Impossibile che tutti questi temi, alla luce delle ultime vicende, possano sfuggire al dibattito consiliare”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sindaco sospeso a Otranto, chiesto consiglio comunale urgente

LeccePrima è in caricamento