Lunedì, 25 Ottobre 2021
Politica

M5S, conti trasparenti: dai parlamentari pugliesi 635mila euro per garantire le Pmi

Con la rendicontazione dell'trimestre aprile-giugno da deputati e senatori della regione sono arrivati altri 110mila euro al fondo nazionale che sostiene fino al totale dell'importo le aziende di ogni settore per qualunque operazione finanziaria

LECCE – I parlamentari pugliesi del M5S, da marzo 2013 al giugno scorso, hanno rinunciato a 635mila euro, oltre che a tutte le indennità connesse agli incarichi nelle commissioni di Camera e Senato. Il denaro è tutto confluito nel fondo nazionale per le piccole le medie imprese che ha consentito l’erogazione di 91 milioni di euro di prestiti da parte degli istituti di credito.

I dati sono stati aggiornati dopo l’ultima rendicontazione, relativa al trimestre aprile – giugno, fatta dai deputati Giuseppe L’Abbate, Giuseppe D’Ambrosio, Diego De Lorenzis, Francesco Cariello, Emanuele Scagliusi, Giuseppe Brescia e dai senatori Lello Ciampolillo, Barbara Lezzi, Daniela Donno e Maurizio Buccarella  (in grassetto quelli della provincia di Lecce).

“Il nostro è un minimo contributo alle imprese del nostro Paese tartassate ogni giorno di più da una politica che mira allo spot, allo slogan e non ad azioni concrete – commentano attraverso una nota stampa deputati e senatori pugliesi M5S – Non ci resta che invitare tutti gli interessati ad approfondire i meccanismi di funzionamento del fondo sul sito ufficiale si parla di soldi certi a disposizione di tutti gli italiani che possono aiutare chi è in difficoltà. Quel che diciamo, facciamo e continueremo a fare. Nonché invitare i politicanti dei partiti a passare dalle parole contro i costi della politica finalmente ai fatti. Li abbiamo visti spesso emulare le nostre iniziative, le nostre proposte di legge ed addirittura i nostri emendamenti, ci auguriamo sinceramente che vogliano emularci anche questa volta”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

M5S, conti trasparenti: dai parlamentari pugliesi 635mila euro per garantire le Pmi

LeccePrima è in caricamento