Mercoledì, 4 Agosto 2021
Politica

“Stp verso il pareggio di bilancio”. La Provincia annuncia il risanamento

Il presidente dell'azienda, Gino Pepe ha confermato il salvataggio: contratto di solidarietà, riduzione dell'organico e subconcessioni hanno consentito di rimettere in sesto i conti. Già acquistati tre nuovi mezzi e cinque auto

Da sinistra Ciccarese, Gabellone, Pepe e Macculi

LECCE – Stp, società di trasporto pubblico partecipata al 69 per cento dalla Provincia di Lecce, viaggia verso il pareggio di bilancio. Quello che solo pochi anni fa appariva come un miraggio, secondo gli amministratori di Palazzo dei Celestini, alla chiusura dell’esercizio in corso potrebbe diventare realtà e consentire all’azienda un rilancio anche dal punto di vista degli investimenti. Le buone intenzioni sono state anticipate peraltro dalla presentazione di tre nuovi mezzi da diciotto metri (altri quattro sono attesi nei prossimi mesi) e di cinque auto appena uscite dalla fabbrica, quattro Fiat Panda più l’ammiraglia – una Grande Punto - con la quale il presidente, Gino Pepe, si vanta di andare fino a Roma. Il bilancio del 2011 è invece stato archiviato con un passivo contenuto a 187mila euro.

Alla conferenza stampa di questa mattina, presso la sede di via San Cesario, ha preso parte lo stato maggiore della Provincia di Lecce: l’assessore al Bilancio, Silvano Macculi, quello ai Trasporti, Bruno Ciccarese e il presidente, Antonio Gabellone e i dirigenti della società. Uno schieramento insolito, che fa quadrato attorno a Pepe e ne celebra l’amministrazione. Presenti anche i rappresentanti di alcune sigle sindacali. Il numero uno di Stp ha ringraziato Cisl e Uil per l’atteggiamento costruttivo dimostrato nel corso delle trattative per la definizione del contratto di solidarietà – primo punto del piano di salvataggio - che ha appena ricevuto il via libera dal ministero e che consentirà alle casse aziendali di risparmiare circa 300 mila euro ogni anno senza comportare sacrifici eccessivi per i lavoratori: per i conducenti dei bus la busta paga prevede un taglio fino a 30 euro, circa 90 per il personale di terra.

stp_pareggio 008-2La seconda leva sulla quale ha agito la “cura” di Pepe, al timone dell'azienda da circa tre anni, è stato il ridimensionamento della pianta organica: da 215 unità a 190, attraverso un sistema di incentivi all’esodo. Il beneficio economico dell’operazione è quantificabile in 700 mila euro, di cui 120 mila solo per il pensionamento (per anzianità) del direttore generale. Altri 900 mila euro di rimborsi regionali hanno invece portato ossigeno al bilancio: la Stp ha infatti concesso a terzi tutta la quota di chilometraggio che il contratto regionale prevede possa essere dato in sub concessione. Per ogni chilometro ceduto, Stp ha infatti incassato 50 centesimi.

Antonio Gabellone, ha voluto ribadire come la gestione di Stp sia stata improntata e criteri di interesse generale, mentre, ha polemizzato, altre partecipate dove l’ente è minoritario, come la società delle terme di Santa Cesarea (a prevalenza regionale) non funzionerebbero con lo stesso obiettivo: esplicito il riferimento alla riconferma del presidente (Salvatore Serra, ndr) , nonostante “ i buchi nel bilancio”. Silvano Macculi ha messo in evidenza come il riordino delle società partecipate voluto da Palazzo dei Celestini, soprattutto con riferimento alla riduzione dei componenti degli organi di gestione, abbia anticipato la spending review del governo nazionale.

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Stp verso il pareggio di bilancio”. La Provincia annuncia il risanamento

LeccePrima è in caricamento