“Ss 275”, lo scontro politico si riaccende sugli scavi alla ricerca di rifiuti

Salvatore Capone, del Pd, giudica inquietante la posizione di Rocco Palese di Forza Italia. Quest'ultimo avrebbe paventato l'auspicio di un'indagine su coloro che si sono rivolti alla magistratura per capire cosa si nasconde sotto la strada

LECCE – Sabotaggio contro i lavori per il rifacimento della strada statale 275 oppure sacrosanta esigenze di sciogliere tutti i dubbi rispetto alla presenza di rifiuti interrati? Sulla questione è al lavoro la magistratura e i primi scavi sono stati effettuati con il ritrovamento, nei pressi di Alessano, di inerti di lavorazione del calzaturiero e del tessile, e intanto si riaccende la polemica politica.

Salvatore Capone, parlamentare del Partito democratico, giudica inquietante la presa di posizione di Rocco Palese, collega di Forza Italia, che avrebbe paventato a mezzo stampa la possibilità di un’indagine sui cittadini che si sono rivolti alla Procura, accusandoli di voler bloccare i lavori sul tratto stradale tra Maglie e Leuca, oggetto di una contesa decennale disputata anche davanti alla giustizia amministrativa.

“Al di là di quanto io stesso possa pensare in merito alla 275 – commenta l’esponente democratico - e alla oggettiva necessità di una arteria sicura per cittadini e automobilisti compatibile con l’ambiente e la sua ricchezza soprattutto nell’ultimo tratto, c’è un dato di fatto incontrovertibile: la denuncia di alcune associazioni e dei cittadini ha catalizzato l’attenzione della magistratura che, evidentemente, ha ritenuto più che credibile quanto affermato”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“A meno di non voler immaginare un grande complotto – prosegue Capone -, credo che il lavoro dei magistrati e delle forze dell’ordine debba essere svolto nella più grande tranquillità, a tutela della salute delle popolazioni. A maggior ragione dinanzi alla lettera inviata al prefetto Perrotta dai primi cittadini di Alessano, Tricase e Tiggiano, dopo l’esame delle acque in quattro pozzi artesiani. Ecco perché chiederei al collega Palese più accortezza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento