Politica

Taccuino elettorale: turismo, aree metropolitane, codice degli appalti

A tre settimane dal voto i candidati si misurano sui temi più disparati: tiene banco comunque la presenza della Puglia alla Bit di Milano

Saverio Congedo, candidato per il centrodestra alla Camera.

LECCE – Turismo ma non solo nell’agenda elettorale di oggi. La Borsa Italiana del Turismo, in corso a Milano, tiene banco ma nelle dichiarazioni c’è anche spazio per altri argomenti, come appalti e aree metropolitane.

Aprile del M5S e Boccia del Pd

Sul primo tema si sofferma Nadia Aprile, candidata del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati nel collegio uninominale di Casarano:  “Il Salento riceve flussi turistici sempre crescenti, il fatturato del settore aumenta esponenzialmente e, tuttavia, non si comprende ancora perché l’attuale classe politica abbia destinato risorse e fondi tanto esigui che non supportano le imprese del settore e non ne incentivano la crescita. Il nostro territorio  possiede un sistema di masserie e dimore storiche che costituiscono una ricchezza inestimabile emarginata dall’assenza di un progetto che recuperi questi beni di immenso valore artistico e culturale.  Gli imprenditori del settore meritano di essere sostenuti ed oggi ancora non accade.  Questo è il primo e più importante impegno che il Movimento 5 Stelle si assume.

Per Francesco Boccia, candidato del Pd alla Camera come capolista nel collegio Puglia 2, "i successi pugliesi raccontati oggi alla Bit di Milano, sono il risultato di anni di lavoro del governo regionale di centrosinistra che ha fatto del turismo pugliese una leva importante per l'economia del territorio. La Puglia non si è mai pianta addosso e questi sono i risultati. L'accordo con la Lombardia siglato dall’assessore Loredana Capone va sempre in questa direzione. La vetrina della Bit, in questa settimana permetterà a 90 operatori pugliesi di farsi conoscere. Il mio augurio è che, lavorando insieme imprenditori e istituzioni, si possa tornare l'anno prossimo con numeri ancor più di successo e con più operatori del settore. La Puglia è una regione da scoprire e noi continueremo a farla conoscere nel mondo”.

Luciano Cariddi è candidato al Senato nel collegio plurinominale Nardò-Casarano: "Siamo in presenza di uno dei settori trainanti per la crescita economica, sociale e culturale della Puglia e del Salento, terra meravigliosa, dall’anima naturalmente votata all’accoglienza che può offrire ai visitatori un incredibile ventaglio di scelte. Occorre però spingere di più sulla destagionalizzazione per incrementare il tasso di occupazione delle nostre strutture ricettive con un maggior numero di presenze anche nei mesi non estivi. Le opportunità dovremmo coglierle potenziando non solo il turismo balneare, ma anche altri tre segmenti prioritari: il turismo culturale, quello accessibile e quello religioso. Il prossimo 20 aprile Papa Bergoglio sarà ad Alessano in occasione del 25esimo anno della morte di don Tonino Bello, un evento che resterà nella storia e che, al tempo stesso, accenderà i fari sul turismo mosso dalla fede, anch’esso preziosa risorsa in grado di intercettare, sul nostro territorio, pellegrini e visitatori".

Centrodestra: Congedo e Palese

Saverio Congedo, candidato per il centrodestra nel collegio camerale di Lecce, propone la riforma della legge del 2014 su città metropolitane e province: “Una delle principali scelte politiche della complessa costruzione istituzionale della Delrio è stata quella di affidare a dieci città metropolitane un ruolo centrale per la ripresa dello sviluppo e del rilancio del nostro sistema economico e produttivo. E’ evidente che tale scelta assunta a tavolino non risponde alle esigenze di territori, in particolare capoluoghi di provincia che, pur non rientrando nel novero di quelle elencate dalla Delrio, potrebbero avere le caratteristiche di città metropolitana, sia per popolazione sia per bacino di riferimento. Certamente nell'ambito dei capoluoghi di provincia è il caso di Lecce e del suo hinterland che con un bacino complessivo di circa 200mila abitanti e interessi comuni sul piano economico, infrastrutturale, paesaggistico, sociale e culturale certamente avrebbe i requisiti sostanziali”.

Rocco Palese, che è invece candidato nel collegio di Casarano, propone una modifica radicale del Codice degli appalti “È una palla al piede per gli investimenti pubblici, fa lievitare gli adempimenti burocratici finendo così per non essere efficace neanche nella lotta alla corruzione e contiene errori macroscopici tanto che la parte sui subappalti è stata inviata dal Tar Lombardia alla Corte di giustizia dell’Ue. Lo stesso Governo ha apportato al codice oltre 200 modifiche ed ha approvato decine di deroghe. Dal Governatore di Bankitalia, Visco secondo cui la troppa burocrazia impedisce la spesa per investimenti, al Presidente Anac Cantone che chiede profonde modifiche al codice, a Confindustria che ne denuncia complicazioni e lacune, tutti concordano sull’urgenza di modificare il Codice. E noi come Forza Italia in questa legislatura abbiamo denunciato centinaia di volte quanto sia intollerabile che lo Stato aggiunga burocrazia a burocrazia frenando crescita e sviluppo, ma tutte le nostre proposte migliorative e alternative sono state bocciate. Per questo la profonda modifica del Codice degli Appalti sarà uno dei primi argomenti che il nostro governo di centrodestra intende affrontare e risolvere con il consenso e la fiducia degli italiani, stanchi di essere vessati, tartassati, aggrediti da uno Stato nemico della crescita, delle famiglie e delle imprese”.

Una guida on line per il voto

Dario Stefàno, candidato al Senato della Repubblica nel collegio uninominale Lecce - Francavilla per la coalizione di centrosinistra e, come capolista per il Partito Democratico, nel collegio plurinominale Puglia Sud, ha lanciato oggi dai suoi account social la piattaforma realizzata per illustrare agli elettori le modalità di voto, in funzione dei comuni di residenza, e offrire loro la possibilità di scaricare il materiale elettorale: “Quest'anno – hanno spiegato dal suo staff - gli elettori dovranno fare i conti con una nuova legge elettorale. Il voto è, prima di tutto, un diritto e, per tale motivo, abbiamo creduto che il sistema elettorale dovesse essere reso comprensibile. L'utente deve solo preoccuparsi di selezionare il nome del proprio comune di residenza da un elenco e la nostra piattaforma restituirà le informazioni per votare in maniera corretta. Rappresenta la risposta alle frequenti domande dell'elettore che è chiamato a misurarsi con un nuovo sistema di voto”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Taccuino elettorale: turismo, aree metropolitane, codice degli appalti

LeccePrima è in caricamento