Tagli ai treni, ancora malcontento dal fronte istituzionale

Al coro di protesta degli ultimi giorni, si aggiungono ulteriori polemiche da parte di istituzioni e parti sociali, intensificate in vista del sit-in di domani. Sottrarre il sud dall'isolamento geografico, la priorità

LECCE - L'ennesimo coro unanime si è levato dagli scranni dei politici e da quelli dei rappresentanti delle associazioni di categoria. La rivoluzione degli orari che s-travolgerà i convogli Trenitalia, e che partirà inesorabilmente il prossimo 12 dicembre, convince sempre meno e si sta lasciando strascichi di malcontento, destinati a trasformarsi in un enorme polverone. Un invito a rivedere i tagli, è giunto dai portavoce di Confindustria, che difendono a spada tratta i trasporti, come  strumento per non condannare il territorio dall'isolamento. "L'iniziativa di Trenitalia di sopprimere importanti tratte che collegano il Salento e centri nevralgici del resto del Paese ci preoccupa - ha affermato il presidente Piernicola Leone De Castris - chiediamo al nuovo governo a Trenitalia di riconsiderare la decisione per non marginalizzare il sud".

Anche i sindacalisti della Cisl di Lecce hanno lanciato un appello, puntando il dito soprattutto contro la ghettizzazione del Salento che seguirebbe inevitabilmente ai tagli previsti. Si dichiarano pronti ad una vera e propria battaglia in vista di una mobilitazione di massa. Posizioni più accomodanti e diplomatiche, invece, quelle dell'eurodeputato Raffaele Baldassarre che, insistendo sulla necessità di un dialogo tra le parti coinvolte,  si dichiara "certo che, alla fine, le garbate pressioni e le serene rivendicazioni delle istituzioni, dei cittadini e della politica sapranno allontanare lo spettro dell’isolamento che resta una prospettiva comunque inaccettabile da qualsiasi angolazione la si voglia vedere". Di parere simile anche il Ugo Lisi: "Il dovere di un buon politico è quello di monitorare le criticità del territorio e riportarle, per quelle che sono le sue competenze pubbliche, nelle sedi opportune allo scopo di provare soluzioni in grado di soddisfare i cittadini. Attraverso un dialogo con i vertici di Trenitalia, mi auguro si possano trovare vie alternative al taglio di treni, anche per sottrarsi alla continua pressione lagnante di chi si sente costantemente e ripetutamente oggetto di disattenzione e sottrazione".

Solidarietà anche da chi, come l'esponente democratica Teresa Bellanova, ha presentato un'interrogazione parlamentare sull'emergenza, appena qualche giorno addietro. "Anche se non potrò essere presente al sit-in di protesta perché impegnata a votare la fiducia in Palamento, resta la mia adesione  alle motivazioni del malcontento", ha fatto sapere la deputata. "La questione che si pone sui tavoli di Monti e Passera, nei giorni del loro insediamento, è di vitale importanza per il Salento e per l'intero Sud Italia. La scelta del Presidente Monti di accorpare nello stesso ministero lo sviluppo economico, le infrastrutture ed i trasporti, lascia presagire una scelta strategica di puntare molto proprio su questi comparti per la crescita del Paese. Il sit-in di domani porterà in maniera forte e compatta all'attenzione del nuovo governo la voce di un grande pezzo d'Italia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Lecce usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

  • Coronavirus: 50 nuovi in Puglia, 6 in provincia di Lecce. E un positivo al voto a Nardò

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento