Lunedì, 26 Luglio 2021
Politica

Il comune di Calimera passa dalla tares alla tarsu ed evita aumenti a tutti i cittadini

Il Consiglio Comunale di Calimera all'unanimità approva, su proposta dell’Assessore alle Finanze Vito Montinaro, una delibera con cui si autorizza l’Ufficio Tributi a revocare la TARES ed autorizza lo stesso a continuare ad operare in regime di TARSU con grandi vantaggi per tutti i cittadini.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima

Nella serata di mercoledì 27 novembre 2013 il Consiglio Comunale di Calimera ha approvato con voto unanime su proposta dell'Assessore alle Finanze Vito Montinaro una delibera con cui si autorizza l'Ufficio Tributi a revocare la TARES ed autorizza lo stesso a continuare ad operare in regime di TARSU. Da quando è entrata in vigore, il primo gennaio scorso, la Tares è cambiata numerose volte e i Comuni non sono riusciti a stare dietro a queste modifiche e a emanare i regolamenti per applicarla subito. I Comuni confidavano nel fatto che il governo avrebbe fatto chiarezza nel breve termine, sulla nuova imposta. Così non è stato, anzi la situazione su questo tema si è complicata. Poi però è scaturita la possibilità di ignorare le nuove regole e di riproporre per il 2013 la stessa forma di prelievo Tarsu, applicata nel 2012. Ma mentre numerosi Comuni avevano già approvato regolamenti e tariffe TARES gravando i propri cittadini con tassazioni elevatissime, il Comune di Calimera ha deciso di soprassedere in attesa di nuove soluzioni per evitare super aumenti a molte categorie. Come accade spesso in Italia le soluzioni arrivano all'ultimo minuto. Dice l'Assessore Montinaro: "Abbiamo rischiato, ma neanche tanto, e per fortuna ci è andata bene. I Comuni che hanno applicato la Tarsu nel 2012 e chiederanno la Tares a dicembre, bastoneranno così con maxi aumenti soprattutto le famiglie numerose e le attività commerciali. Questo noi non lo volevamo, abbiamo tenuto duro e con l'annuncio della nuova TASI (Tassa sui Servizi Indivisibili) e TARI (tassa sui Rifiuti) abbiamo preso la decisione giusta, ovvero abbandonare la Tares (questo sacrificando anche tutto il lavoro di un anno) e rientrare in TARSU". Tale rientro in TARSU è fattibile però SOLO per i Comuni che NON hanno ancora approvato il bilancio di previsione come appunto il Comune di Calimera.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il comune di Calimera passa dalla tares alla tarsu ed evita aumenti a tutti i cittadini

LeccePrima è in caricamento