Politica

"Ticket" sui sacchetti per la raccolta differenziata

L'esponente Pdl a Melpignano Gaetani critica il costo a carico dei cittadini dei sacchetti per la raccolta dei rifiuti: "Si paga già una Tarsu salata a dispetto di un sistema votato a far risparmiare"

CIMG1585

MELPIGNANO - La gestione dei rifiuti e la raccolta differenziata spinta hanno rappresentato e continuano a farlo per il comune di Melpignano i fiori all'occhiello delle amministrazioni che si sono succedute in questi anni. Eppure, arrivano delle indicazioni che evidenziano come non sia tutto oro ciò che luccica: non tanto in riferimento all'efficienza del servizio, quanto ad alcune "incongruenze di costo". L'oggetto del contendere sono i sacchetti forniti dal comune alle famiglie per fare la raccolta.

Dalla segnalazione di Antonio Gaetani, dirigente del Pdl locale e con un trascorso da consigliere comunale nella scorsa legislatura, i sacchetti che un tempo venivano dati gratuitamente ai cittadini dagli uffici comunali, oggi sono a pagamento. Una evoluzione in negativo che, secondo Gaetani, non dovrebbe sussistere e le motivazioni sono presto dette: "I cittadini - dichiara - già pagano una Tarsu salata per la raccolta dei rifiuti ed è un'ingiustizia che paghino anche i sacchetti per una differenziata che dovrebbe facilitare il risparmio".

"Questo è mettere - prosegue - ulteriormente le mani nelle tasche dei cittadini da parte di questa sinistra spendacciona". Secondo il giovane del Pdl, infatti, in tal modo si abbattono tutti i vantaggi che la raccolta differenziata spinta, praticata da tempo a Melpignano e con risultati all'avanguardia rispetto agli altri comuni, dovrebbero arrivare, dalla Tarsu sino a questo "ticket" sui sacchetti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ticket" sui sacchetti per la raccolta differenziata

LeccePrima è in caricamento