Martedì, 3 Agosto 2021
Politica

Trasporti, Rocco Palese chiede l’intervento di Vendola contro la “mattanza”

Il capogruppo Pdl alla Regione contro i nuovi tagli di linee da parte di Trenitalia, la riduzione delle tratte di Ryanair e il raddoppio di prezzi di Alitalia: “Governo pugliese nella totale inerzia. Si riferisca in consiglio”

LECCE - “Trenitalia ci ignora, non rispettando gli impegni assunti mesi fa per il ripristino dei treni a lunga percorrenza da e per il centro nord; intanto Ryanair che dal 2009 ad oggi ha incassato dalla Regione Puglia ben 35 milioni di euro (iva compresa) di soldi pubblici, col passaggio all’orario invernale elimina il volo serale da Bari a Roma con un doppio danno: alla perdita di questo collegamento si aggiunge che Alitalia, non avendo praticamente più alcuna concorrenza su quella tratta a quell’ora, ha immediatamente raddoppiato i prezzi. Il risultato è che se da Bari si vuole volare a Roma in settimana, e non alle 6 di mattina, si arriva a spendere fino a 300 euro”.

Il capogruppo del Pdl alla Regione Puglia, Rocco Palese, si unisce alle richieste del presidente del consiglio regionale, Onofrio Introna, in materia di trasporti, ma rincara la dose: “Il governatore Vendola, ormai distratto dalla campagna delle primarie, sta consentendo senza aprire bocca, una vera e propria mattanza sui collegamenti aerei e ferroviari da e per la Puglia”.

Per Palese, Trenitalia starebbe ignorando ogni impegno e “questo è un fatto gravissimo che investe anche il governo nazionale che sottoscrive il contratto di servizio”: “Su Ryanair – aggiunge - la Regione è parte in causa e comincia ad essere seriamente parte lesa insieme a tutti i cittadini. Dal 2009 ad oggi la Regione Puglia ha trasferito a Ryanair ben 29 milioni di euro (che con l’Iva diventano 35) sotto forma di contributo per incentivare il traffico aereo da e per la Puglia. Con l’orario estivo Ryanair garantiva 21 collegamenti da Bari e 13 da Brindisi”.

“Con l’orario invernale in vigore dal 20 ottobre scorso – prosegue - fino al prossimo 30 marzo, i collegamenti si riducono a 16 da Bari e 9 da Brindisi. E l’assurdo è che non vengono tagliati solo quei collegamenti tipicamente ‘estivi’ come ad esempio i voli da e per la Grecia, ma anche quelli per Roma”.

Palese chiede a Vendola e all’assessore Guglielmo Minervini di venire a riferire in consiglio sui motivi della “totale inerzia del governo regionale e di aeroporti di Puglia” rispetto ad una compagnia che beneficiando di contributi regionali, “dovrebbe essere sottoposta anche al controllo della Regione e al mantenimento di determinati servizi”.

“Tutto ciò – conclude - ripropone la questione che solleviamo da tempo: perché questo cospicuo finanziamento viene affidato solo e direttamente a Ryanair senza alcun obbligo per la compagna e non viene, piuttosto suddiviso con procedure di evidenza pubblica tra tutte le compagnie low cost disposte a coprire quelle tratte a prezzi concorrenziali? E perché viene consentito ad Alitalia di ignorare gli aeroporti di Bari e Brindisi da tutte le offerte promozionali sui voli nazionali?”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trasporti, Rocco Palese chiede l’intervento di Vendola contro la “mattanza”

LeccePrima è in caricamento