Lunedì, 2 Agosto 2021
Politica

Omfesa, ancora in assemblea. "Verificare la gestione della curatela fallimentare"

Il deputato Capone teme che l'assenza reiterata ai tavoli di confronto e anche a quelli convocati dal ministero dello Sviluppo economico della curatela fallimentare "costituisca un danno evidente e un impedimento pregiudiziale ad eventuali sviluppi futuri"

Una manifestazione degli operati Omfesa.

TREPUZZI - Il deputato Salvatore Capone e la sottosegretaria Teresa Bellanova, insieme al sindaco del Comune di Trepuzzi, Oronzo Valzano, al consigliere provinciale Alfonso Rampino, al segretario cittadino del Pd Giacomo Fronzi e al capogruppo dello stesso partito in consiglio comunale, Mimino Valzano, hanno risposto ieri pomeriggio all’accorato appello dei lavoratori Omfesa, che ancora non hanno cognizione del loro futuro.

“Sconcerto, sconforto e rabbia”: questo lo stato d’animo espresso in una lettera dagli 86 dipendenti dell’azienda, i quali si sono riuniti in assemblea permanente all’interno della sala consigliare del Comune di Trepuzzi, “occupata come gesto simbolico di una vertenza che ha prodotto solo ritardi e risultati inconcludenti”.

“Noi non faremo mancare la nostra attenzione e la nostra azione parlamentare e di Governo - ha affermato Teresa Bellanova - con la ferma convinzione che su questa vicenda è necessario che ognuno faccia la sua parte coerentemente con l’obiettivo di restituire dignità e futuro a un’azienda e ai suoi lavoratori”.

Nel confronto, insieme alla necessità di un tavolo permanente istituzionale con la presenza di tutti i soggetti coinvolti, è emersa evidente l’assenza, su tutti i tavoli, della curatela fallimentare e la necessità di una verifica per comprendere il modo in cui finora è stata gestita e si continua a gestire la vicenda fallimentare.

“C’è il fondato timore - ha osservato Salvatore Capone, parlamentare del Pd - che quest’assenza reiterata ai tavoli di confronto e anche a quelli convocati dal ministero dello Sviluppo economico costituisca un danno evidente e un impedimento pregiudiziale ad eventuali sviluppi futuri. Per questo puntualizziamo l’esigenza ormai inderogabile di un confronto aperto con la gestione fallimentare e con chi ne è responsabile”.

“E’ necessario, accogliendo anche le richieste dell’assemblea permanente - ha infine rilevato Alfonso Rampino - che ci si ritorni a confrontare con tutti i soggetti istituzionali e privati coinvolti. Oltre a Trenitalia, anche l’assessorato regionale ai Trasporti che in questa vicenda potrebbe rivestire un ruolo altrettanto strategico”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omfesa, ancora in assemblea. "Verificare la gestione della curatela fallimentare"

LeccePrima è in caricamento