Mercoledì, 16 Giugno 2021
Politica

Tricase, si dimette preside commissione consiliare e apre caso politico

Il consigliere comunale Guerino Alfarano lascia l'incarico in aperta polemica con il sindaco Coppola, attaccandolo sia per alcune decisioni unilaterali, sia per non aver rispettato finora parte del programma. Ma anche per il mancato sostegno alle consultazioni a Foresio. E chiede un'azione dal Pd

TRICASE – A Tricase esplode un nuovo caso politico. Nel pieno di una domenica di metà giugno, il consigliere comunale Guerino Alfarano rassegna le dimissioni da presidente della prima commissione consiliare (bilancio, entrate e patrimonio, trasparenza fiscale, politica delle risorse e degli investimenti) con un atto rivolto al presidente del Consiglio. E lo fa in modo irrevocabile e in aperta polemica con il sindaco, Antonio Giuseppe Coppola, aprendo uno scontro su più fronti, uno dei quali tocca da riguarda il mancato impegno a sostenere alle consultazioni regionali il candidato del Pd, Paolo Foresio.

Da oggi in avanti, aggiunge Alfarano, accorderà solo appoggio esterno alla maggioranza, “valutando di volta in volta la bontà e le opportunità delle azioni di governo alla luce del bene comune e dei bisogno dei cittadini”.

I motivi sono diversi, come detto, e il consigliere contestatario, con tessera Pd da un anno, li elenca tutti in una nota. Il primo riguarda il percorso dell’amministrazione comunale che, a suo dire, sarebbe “assolutamente lontano dagli impegni elettorali assunti con le linee programmatiche e dalle modalità partecipative con la cittadinanza che lamenta un profondo solco fra le proprie esigenze e l’azione di governo”. Fatti che secondo Alfarano sarebbero stati fatti notare più volte al primo cittadino, all’interno della maggioranza, ma invano.

Vi sarebbe, forse anche come diretta conseguenza, un distacco fra esecutivo e gruppo consiliare che per il dimissionario presidente della commissione avrebbe conosciuto diverse azioni intraprese “solo a cose fatte”, senza peraltro vedere realizzate “quelle programmate”.

Vi è poi la motivazione che nasce dalle ultime consultazioni, probabilmente la goccia che ha fatto traboccare il vaso, e cioè, rimarca Alfarano, “la decisione unilaterale del sindaco, neppure anticipatamente comunicata, di invito per iscritto alla cittadinanza a votare il candidato Sergio Fracasso, contravvenendo all’impegno assunto e manifestato di sostenere il candidato Paolo Foresio”.

Questo, prosegue, il consigliere, “unitamente a una parte consistente della maggioranza consiliare che si era prodigata di garantire alle scorse provinciali l’appoggio di Foresio, e del suo gruppo consiliare al Comune di Lecce, alla candidatura a consigliere provinciale del sindaco Coppola”. E ora Alfarano, che assicura comunque l’impegno al mandato elettorale, attende dal Pd una posizione forte sull’accaduto.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tricase, si dimette preside commissione consiliare e apre caso politico

LeccePrima è in caricamento