Politica

"Ubiminor", un'applicazione per la voce delle opposizioni. Si parte in quattro comuni

All'Open Space di Palazzo Carafa la presentazione della App che consente alle minoranze di veicolare iniziative, documenti, opinioni sulla vita cittadina e sull'attività in seno all'amministrazione. Adesioni da Galatone, Galatina, Lequile e Vernole

LECCE – "La minoranza è ovunque", recitava uno striscione portato in giro per l'Italia dai tifosi atalantini. E delle voce discorde rispetto al coro, del parere diverso, c'è sempre un disperato bisogno in democrazia, anche in relazione all'utilizzo delle nuove tecnologie che accelerano lo scambio di informazioni ma modificano anche l'abitudine al dibattito, al confronto tra idee diverse.

Dopo l’applicazione per le amministrazioni comunali, quella per le minoranza consiliare. A presentare “Ubiminor” la società Darko, in una conferenza stampa che si è tenuta nell’Open Space del Comune di Lecce alla presenza di quattro esponenti politici: Antonio Pepe, consigliere comunale a Galatina, Flavio Filoni, segretario del Pd di Galatone e candidato con il centrosinistra alle elezioni regionali, il consigliere comunale di Lequile Vincenzo Carlà e Massimiliano Leo, consigliere a Vernole.

L’applicazione è disponibile su Google play e prossimamente su Apple Store e consente la diffusione di contenuti di vario tipo – video, atti, opinioni – relativi alle attività delle opposizioni, ma permette anche ai cittadini di inoltrare ai rappresentanti delle minoranze segnalazioni su questioni della vita cittadina da portare all’attenzione dell’amministrazione e nella discussione dell’opinione pubblica.

“Ubiminor – ha dichiarato Marco Paiano, dell’azienda che ha realizzato la App- è un servizio che nasce dalla piattaforma Amicomune, versione riservata alle Amministrazioni comunali, ed è espressione di una tecnologia – voglio sottolinearlo - che si presta a essere utilizzata da qualsiasi soggetto pubblico: amministrazioni, maggioranze, opposizioni, singoli rappresentanti. Il nostro obiettivo è quello di avvicinare il cittadino, grazie alle nuove tecnologie, a tutti i livelli di rappresentanza, perché il concetto di democrazia digitale sia realtà concreta e non uno slogan astratto”.     

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ubiminor", un'applicazione per la voce delle opposizioni. Si parte in quattro comuni

LeccePrima è in caricamento