Domenica, 1 Agosto 2021
Politica

Servizio di raccolta rifiuti “a secco”. Ugl lamenta ennesimi ritardi sui pagamenti

Il problema riguarda i lavoratori del servizio presso il Comune di Parabita, per conto della ditta Igeco. L'amministrazione comunale risulta in regola con i pagamenti, ma i sindacalisti Verardi e Guerrieri esortano ad assumere una posizione chiara

Foto di repertorio

PARABITA – I lavoratori addetti alla raccolta di rifiuti nel Comune di Parabita, servizio riaffidato da pochi mesi alla ditta Igeco, lamentano l’ennesimo ritardo nel pagamenti degli stipendi. “Non vi è mai stata una puntualità nell’erogazione dei salari – denuncia il segretario Ugl Antonio Verardi – così come non vi è mai stata una presa di posizione netta da parte del sindaco rispetto a questa problematica. Arrivati a questo punto ci saremmo aspettati perlomeno dei richiami formali, il minimo, ma non sono arrivati nemmeno questi”.

Com’è noto, infatti, per un lavoratore il ritardo di un solo giorno può comportare importanti disagi nell’ambito della sua economia familiare, e le conseguenze di una situazione “sistematica” sono facilmente immaginabili. “Il caso di Parabita – prosegue il sindacalista - , ci fa capire quanto i lavoratori del settore in molti casi siano considerati di serie B  rispetto ad altri. Nel comparto dei rifiuti, troppe  volte gli addetti al servizio subiscono delle vere e proprie ingiustizie: abbiamo assistito più volte alla loro strumentalizzazione da parte delle aziende per vedersi pagati i canoni di appalto, oppure li abbiamo visti lavorare in condizione al limite della sicurezza”.

Fa eco il segretario della federazione Ambiente, Antonio Guerrieri: “Più volte negli ultimi mesi abbiamo esortato  azienda alla puntualità di pagamento, ed invitato il  sindaco di Parabita ed uffici preposti al controllo e rispetto del capitolato, a prendere posizione sui continui ritardi di pagamento degli stipendi dei netturbini i quali anche questo mese,  ad oggi non hanno ancora percepito il salario di gennaio”.

Tale atteggiamento in violazione  di quanto previsto  dal contratto nazionale di lavoro e dal capitolato speciale d’appalto, è “inaccettabile” dal momento che il Comune risulta in linea con i pagamenti,  ciò,  probabilmente, con grande sforzo dei suoi contribuenti. “Solo dieci giorni addietro – incalza il segretario - , in un incontro presso il settore Sviluppo economico, ho ribadito che il Comune di Parabita in qualità di committente è corresponsabile in solido e non può ignorare il problema”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Servizio di raccolta rifiuti “a secco”. Ugl lamenta ennesimi ritardi sui pagamenti

LeccePrima è in caricamento