Una nuova mobilità nei pressi dell’istituto “Ammirato Falcone” di via Abruzzi

La proposta di Civica per una nuova mobilità nei pressi dell'istituto comprensivo di Lecce

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima

Durante l’ultima settimana di ottobre il coordinatore di Civica, Gianfranco Galluccio, ha incontrato alcuni soci e residenti del quartiere Leuca che segnalavano delle problematiche relative alla sicurezza dei giovani pedoni che si recano nel plesso scolastico di via Abruzzi. L’incontro ha messo in luce che nella zona antistante la scuola, purtroppo, non sono attualmente presenti particolari tutele o divieti a protezione degli studenti.

A seguito di queste segnalazioni il coordinatore ha consultato il tavolo mobilità di Civica, presieduto dall’Ing. Paolo Vannelli, che ha elaborato una proposta per venire incontro alle criticità evidenziate. Sicuramente le iniziative messe in campo dall’amministrazione sul tema della sicurezza e della mobilità leggera iniziano a far vedere i primi risultati, come anche evidenziato dalla recente classifica di Legambiente. Eppure sul plesso di via Abruzzi manca ancora un piano per l’istituzione di una Zona Scolastica come quello in fase di realizzazione per la zona di Piazza Palio.

Il tavolo mobilità ha quindi elaborato una proposta, con relativa planimetria, che mira a due obiettivi principali: rendere più sicura e salubre l’area intorno all’istituto e incentivare la mobilità attiva (piedi e bici) nel quartiere. Le azioni che Civica propone di mettere in campo puntano a moderare la velocità veicolare installando degli stop sugli incroci antistanti le vie perimetrali del plesso scolastico e realizzando in prossimità degli attraversamenti pedonali dei dossi artificiali.

Attraverso una riorganizzazione e ottimizzazione dei percorsi pedonali e dei parcheggi antistanti la scuola, la soluzione proposta, indica una via per ridurre il transito veicolare nell’area, così da renderne l’area più salubre.Inoltre questi interventi cercano di favorire di soluzioni di mobilità alternativa attraverso l’istituzione di in servizio di Piedibus e la realizzazione di Nuovi Tratti Di Rete Minima (RMA1) previsti dal progetto di RETE DI MOBILITÀ ATTIVA.

Torna su
LeccePrima è in caricamento