Mercoledì, 28 Luglio 2021
Politica

Unioni civili e diritti. Ad Uggiano istituito registro per le coppie di fatto

Nel consiglio di ieri sera, approvato all'unanimità l'odg presentato dall'assessore Alessandra Errico: un atto politico ed amministrativo dal valore simbolico, che colloca il Comune tra i primi a dotarsi di questo strumento

Comune Uggiano

UGGIANO LA CHIESA - Nella seduta del consiglio comunale di Uggiano La Chiesa, mercoledì 8 maggio, è stato approvato all'unanimità l'odg, presentato dall'assessore Alessandra Errico, inerente il regolamento delle unioni civili, nel quale si riconoscono le "coppie di fatto" residenti sul territorio comunale.

Si tratta di un atto politico e amministrativo importante poiché Uggiano La Chiesa si colloca tra i primi comuni pugliesi ed italiani (il secondo nel Salento, dopo Trepuzzi) a dotarsi di una regolamentazione in tal senso, la quale, recependo l'indirizzo legislativo in ambito europeo, riconosce, così come specificato nell'articolo 1, "il legame tra due persone maggiorenni unite da vincoli affettivi che coabitano e risiedono abitualmente nel Comune".

L'istituzione del registro delle unioni civili, che avrà solo un valore simbolico, poiché lo Stato italiano non ha ancora legiferato su questa materia, nonostante la normativa internazionale lo richieda da tempo, consentirà di "essere equiparato a parente prossimo del soggetto con cui si è iscritto" (art. 3). In più, si specifica che il Comune, per ciò che è di propria competenza, provvede "a tutelare le unioni civili al fine di prevenire ed evitare situazioni discriminatorie e di disagio a favorendone al contrario l'integrazione nel contesto socio-economico del paese".

"Il Comune di Uggiano La Chiesa fa un passo avanti sul terreno dei diritti civili e delle pari opportunità - spiega il sindaco Salvatore Piconese -, garantendo alle coppie di fatto presenti sul territorio comunale di essere riconosciute e tutelate. È un passaggio politico rilevante, poiché recepisce sia la norma europea, sia una sentenza della Corte costituzionale del 2010 che riconosce il rapporto consolidato e di fatto, concedendogli un fondamento costituzionale".

"Ciò - spiega ancora - è un atto di grande civiltà e il Parlamento italiano deve accelerare e legiferare in tal senso, come tutte le democrazie più avanzate in Europa. Sono felice che il consiglio comunale di Uggiano abbia sancito un diritto civile fondamentale, dimostrando grande sensibilità politica e istituzionale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Unioni civili e diritti. Ad Uggiano istituito registro per le coppie di fatto

LeccePrima è in caricamento