rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Politica Galatina

Incursione nel circolo del Pd: il segretario trova offese scritte su una parete

L'amara scoperta di Michele Scalese a Noha, ieri sera. Salvatore Piconese solidarizza e accusa: "Atto di squadrismo politico". Sul caso indagano gli agenti del commissariato di polizia di Galatina

NOHA –Brutta sorpresa, ieri sera, per Michele Scalese, segretario del circolo “De Benedetto” del Partito democratico di Noha, frazione di Galatina. Varcata la soglia della storica sede, per raccogliere materiale rivolto alla campagna elettorale (a Galatina non si vota per le amministrative, ma chiaramente in questo caso l’attività è declinata alle europee), s’è ritrovato davanti a questa scritta: “Meglio leghista che comunista e frocio”.

Scalese nella sede del partito vi è entrato a tarda ora, verso le 23. Ma qualcuno l’aveva già fatto di soppiatto nelle ore precedenti, imbrattando una parete con la scritta a caratteri cubitali. “Un atto vandalico che non ha eguali”, ha commentato, amareggiato, Scalese, sul proprio profilo Facebook. “Si attacca non solo l’aspetto politico ma anche e soprattutto l’umanità di un individuo che sia il segretario, un militante o un cittadino”. Cogliendo l’occasione per una riflessione più ampia, perché dietro a certe parole, ha ricordato, “si nasconde l’odio di chi non vede oltre il proprio naso”. Richiamando l’attenzione sul fatto che “ci sono tante vite che hanno paura”.

La vicenda è stata presa con la giusta dose di serietà, non si può relegare al semplice atto di un teppistello. Ecco perché sul posto sono stati chiamati a intervenire carabinieri e polizia. Le indagini sono ora in mano agli investigatori del commissariato di Galatina.  

Le reazioni al fatto

Particolarmente turbato dalla vicenda appare oggi Salvatore Piconese, già segretario provinciale dle Pd e ora componente di quella regionale, che, esprimendo solidarietà, parla oggi di “atto di squadrismo politico”.

“È intollerabile – prosegue nella sua disamina, dal proprio profilo social – che, nel 2024, ci siano atteggiamenti di matrice fascista, antidemocratica e omofoba nei confronti di un dirigente e di una sezione di un partito democratico”. Per Piconese, quella scritta “è un atto di violenza politica che ci riporta drammaticamente nel periodo più buio della storia di questo paese e che, al contempo, ci fa riflettere su quanto sia oggi avvelenato il clima politico in Italia da parte delle forze politiche più reazionarie della destra italiana”.

Sulla stessa lunghezza d’onda anche la vice presidente del Pd, Loredana Capone. “Quello che è accaduto nella sede del Partito democratico di Noha è un episodio grave, da condannare, che non va assolutamente sottovalutato, e deve far riflettere sul clima che stiamo vivendo intriso di violenza, insulti e offese. Un clima – aggiunge – che troppo spesso viene legittimato da atteggiamenti e dichiarazioni di chi ricopre importanti cariche istituzionali e politiche e da chi si candida a ricoprirle. Serve riportare il confronto politico a tutti i livelli su un piano democratico, nel rispetto delle differenze e dei diritti di ciascuno. La mia solidarietà e il mio sostegno al segretario del circolo di Noha e a tutti gli iscritti”.

Ilaria Ulgharaita, presidente di Arcigay Salento, stigmatizza il fatto che ancora oggi si assista “all’utilizzo offensivo delle parole e della discriminazione basata sull’orientamento sessuale come arma di battaglia politica e ideologica. Tutto questo – sottolinea – è quanto di più basso possiamo registrare in questa campagna elettorale” e ricorda che esistono “personaggi che hanno questo genere di retaggio culturale, che possano esprimersi liberamente e che possano occupare posti di rappresentanza democratica nelle istituzioni, giustificando e armando di fatto le mani e le bocche dei violenti. Non possiamo stare in a guardare in silenzio”, prosegue. E, solidarizzando con il circolo di Noha, conclude: “Alla vita triste di chi non ha altre gioie che l’intolleranza e l’insulto rispondiamo con i colori delle nostre esistenze resistenti e gioiose”.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incursione nel circolo del Pd: il segretario trova offese scritte su una parete

LeccePrima è in caricamento