Castrazione chimica, deputata leccese del M5S contro il ministro: "Solo propaganda"

Giulia Bongiorno, della Lega, ha proposto un emendamento al disegno di legge "Codice rosso". La leccese Veronica Giannone: "Non lo voto"

Veronica Giannone.

LECCE – La deputata leccese Veronica Giannone, eletta con il M5S, ha preannunciato la sua contrarietà all’emendamento al disegno di legge “Codice rosso” presentato dal ministro per la Pubblica Amministrazione, Giulia Bongiorno.

Nello specifico, la proposta dell’esponente leghista del governo prevede che la sospensione condizionale della pena possa essere subordinata a “trattamenti terapeutici o farmacologici inibitori della libido, con il consenso del condannato”. Si tratta insomma della cosiddetta castrazione chimica.

Secondo quanto dichiarato all’agenzia AdnKronos, Giannone ha precisato che non voterà mai per un emendamento di quel tenore: “Non è la castrazione chimica lo strumento, ma il carcere e la certezza della  pena. Quello che propongono è solo propaganda politica e come me la  pensano decine di miei colleghi”, ha dichiarato la parlamentare pentastellata alludendo alla possibilità di allontanarsi dall’aula al momento del voto come segno di protesta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzini abusati in un casolare, 69enne in carcere per pedofilia

  • Giro di armi da fuoco e monopolio imposto sul servizio navette: sei arresti

  • Villa confiscata fin dal 2015, ma lui era sempre lì: sgombero forzato

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: imputati il padre e lo zio

  • Costrette a prostituirsi anche con il maltempo, in manette lo sfruttatore

  • Preoccupazione per il vento delle prossime ore: allerta “gialla” sul Salento

Torna su
LeccePrima è in caricamento