rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Politica

Versati 8mila euro per le vittime del terremoto: erano previsti per i fuochi di Sant'Oronzo

Come da tradizione, erano programmati per il 26 agosto, ma pochi giorni prima un sisma aveva colpito duramente il Centro Italia

LECCE - Il presidente del comitato feste patronali di Lecce, Gianni Renna, su disposizione dell'amministrazione comunale ha versato 8 mila euro in favore delle popolazioni colpite dal terremoto nel Centro Italia. 

La somma era stata stanziata per i tradizionali fuochi d'artificio per Sant'Oronzo, in programma la sera del 26 agosto, ma l'iniziativa fu annullata la mattina di quello stesso giorno dall'amministrazione comunale, per rispetto nei confronti delle vittime del sisma.  La mattina successiva, quella di sabato 27 agosto, il governo decise di proclamare una giornata di lutto nazionale e alle 11, ad Ascoli Piceno, si celebrarono i funerali di 35 delle 296 vittime del sisma. 

Diversa fu la scelta della Fondazione Notte della Taranta che decise di far svolgere il concerto finale a Melpignano, in programma proprio la sera del 27 agosto. Ma l'evento, che già nei giorni precedenti, era stato orientato decisamente nel senso della solidarietà con le popolazioni interessate, permise di raccogliere in loco oltre 54 mila euro e, attraverso le donazioni via telefono anche durante la diretta televisiva una somma ben maggiore per un totale di un milione 665mila euro. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Versati 8mila euro per le vittime del terremoto: erano previsti per i fuochi di Sant'Oronzo

LeccePrima è in caricamento