Vita difficile per la vendita di alcol in zona stazione: multe fino a 30mila euro

In vigore l'ordinanza sindacale. Dalle 20 alle 6 restrizioni anche per la distribuzione automatica. Sanzioni anche per chi abbandona contenitori

Foto d'archivio.

LECCE – Il ventaglio delle sanzioni è ampio, l’obiettivo mirato: arginare il diffuso malcontento tra i residenti della zona della stazione e tra coloro che, per i più disparati motivi, utilizzano lo scalo ferroviario, soprattutto in orario serale.

Nel complesso si tratta di fenomeni che trovano nell’abuso di alcol un minimo comun denominatore e che producono come conseguenze un certo degrado ambientale e anche qualche episodio di violenza, come la rissa nella quale un uomo è stato seriamente ferito alla gola proprio con un collo di bottiglia.

È in vigore da questa sera l’ordinanza sindacale firmata ieri che vieta la vendita per asporto di bevande alcoliche, dalle 20 alle 6, in qualsiasi contenitore mentre per gli analcolici potranno essere serviti solo in bicchieri di plastica. Il consumo resta consentito all’interno dei locali e nelle aree pubbliche date in concessione agli esercizi. Il divieto riguarda anche i distributori automatici. Sanzionabile anche l’abbandono di qualsiasi contenitore al di fuori degli appositi cestini.

Le strade interessate, oltre a piazzale Massari, sono viale Oronzo Quarta, via Don Bosco e via Duca degli Abruzzi che negli scorsi anni è stata già oggetto di provvedimenti simili. Le sanzioni, si diceva: da 80 a 500 euro per chi viola l’ordinanza, ma per chi non rispetta le previsioni della legge 260 del 2007 - disposizioni urgenti modificative del Codice della strada - gli importi salgono notevolmente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’inosservanza del divieto di somministrazione – valido per i pubblici esercizi e i circoli – di alcol dalle 3 alle 6 e di quello – per i negozi di vicinato – di vendita dalle 24 alle 6 è punibile con sanzioni da 5 a 20mila euro. In caso si registrino due violazioni in due anni, la licenza sarà sospesa per un periodo che va dai sette a 30 giorni. Per le violazioni che riguardano i distributori automatici la sanzione può arrivare a 30mila euro. Tutta l’area in questione è inoltre sotto una specifica lente di ingrandimento delle forze dell’ordine che, coordinate dalla questura, stanno effettuando controlli straordinari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale in moto contro un'auto: muore 54enne, grave una donna

  • Trascina la figlia per l'orecchio, i clienti del bar si ribellano e finisce a botte

  • Coronavirus in Puglia: nove positivi, cinque nel Salento fra cui anziano di una Rsa

  • Sospetta violenza sessuale: 20enne con forti dolori denuncia stupro

  • Covid-19, venti nuovi positivi in Puglia. Quattro in provincia di Lecce

  • Dall’epidemiologo “supposte di realismo”: al Sud a rischio il 99 per cento dei cittadini

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento