Lunedì, 26 Luglio 2021
Politica

Zincheria a Diso, la Provincia: "Segnali di contaminazione in evoluzione"

Dal settore ambiente di Palazzo dei Celestini, dopo le analisi sui valori dei parametri nei terreni adiacenti all'industria si riscontra il rischio di una presenza inquinante: "Ma resta la necessità di ulteriori valutazioni"

DISO -  I valori dei parametri di alcuni terreni supererebbero quelli previsti per i siti a destinazione residenziale, e, pertanto, potrebbero essere segnalatori di contaminazione in evoluzione. Sono questi i risultati dell'indagine preliminare condotta dalle Zincherie Adriatiche srl sui terreni adiacenti, frutto della sentenza del Tar di Lecce, che aveva di fatto imposto l'approfondimenti degli impatti ambientali descritti.

L'ingegnere Dario Corsini del settore ambiente della Provincia di Lecce, recependo la comunicazione, ha esplicitato la possibile presenza inquinante, ma ha chiesto, tuttavia, all'azienda ulteriori approfondimenti per capirne la reale portata. Il Tar, nel dispositivo che aveva accolto le ragioni dei ricorrenti, aveva puntualizzato la necessità di un ulteriore approfondimento degli impatti ambientali descritti nella determina provinciale di riferimento, anche sotto il profilo dello smaltimento delle acque meteoriche e di dilavamento (pluviali).

I giudici amministrativi hanno ritenuto sussistente un impatto ambientale significativo, trattandosi di "acque reflue industriali", autorizzate allo scarico dalla provincia attraverso "un sistema di grigliatura e di desabbiatura e non già di depurazione delle acque", nonostante sui piazzali dell'industria "possono essere presenti 'eventuali sostanze inquinanti', provenienti dall'attività industriale".

La sentenza del Tar faceva notare che con tale sistema le "acque vengono immesse negli strati superficiali a mezzo di una trincea assorbente scavata nelle calcareniti, senza sistema di depurazione (non essendo tale il sistema di grigliatura e desabbiatura) provocando l'inquinamento della falda sottostante", già censita dal piano tutela delle acque della Regione Puglia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zincheria a Diso, la Provincia: "Segnali di contaminazione in evoluzione"

LeccePrima è in caricamento