LeccePrima

"Qui a Manduria tutto bene". Una commedia pugliese

Un film che pone in vetrina la Puglia, i suoi attori e le tante professionalità che operano nel mondo del cinema. E che ha una particolarità: è stato realizzato senza alcun aiuto di enti e istituzioni

Film2

Un film che pone in vetrina la Puglia, i suoi attori e le tante professionalità che operano nel mondo del cinema. E che ha una particolarità, che lo rende unico in questo settore: è stato realizzato senza alcun aiuto di enti ed istituzioni pubbliche, ma solo ed esclusivamente grazie alla volontà ed alla caparbietà, oltre che alle qualità artistiche, del suo ideatore, l'attore, regista e sceneggiatore manduriano Enzo Pisconti. "Qui a Manduria tutto bene" è il titolo del film che sarà presentato a Manduria questa sera (7 maggio) al cinema Ideal, e, poi, domani sera (8 maggio) a Lecce presso il cinema Santa Lucia, a Canosa l'11 maggio, a Taranto presso il cinema Savoia il 13 maggio, a Brindisi presso la multisala Andromeda il 14 maggio e a Bari il 15 maggio. E' stato girato, l'estate scorsa, nella città di Manduria e in alcuni centri limitrofi. E' stato scritto da Enzo Pisconti, cabarettista apprezzato e sceneggiatore capace e poliedrico, che si è già cimentato con la ideazione e la direzione di una serie televisiva e con una applaudita rappresentazione teatrale.

L'estate scorsa Pisconti ha voluto cimentarsi in un'altra ardua sfida: scrivere, dirigere, interpretare un film, senza poter contare sul sostegno di alcun ente pubblico. Un'impresa che potrebbe sembrare indubbiamente disperata per i costi che, una operazione di questo genere, comporta. Ma, disponendo solo sull'aiuto di alcuni sponsor privati, proprio come previsto e disciplinato da una recente legge statale. Aziende, tutte della provincia jonica (Oro 6, Ottica Galeone, Trombacca srl, Lacaita srl, La locanda "Ti lu Tuguriu", Calò Calcestruzzi, Morgan Hotel), che hanno dimostrato una grande sensibilità verso il progetto del regista Enzo Pisconti, che indubbiamente apre una strada nuova nella produzione cinematografica. Per "Qui a Manduria tutto bene" Pisconti ha scelto alcuni attori già affermati ed altri, invece, altrettanto bravi ma in rampa di lancio: Martufello, Gabriele Marconi, Umberto Sardella, Giusi Frallonardo, Teodosio Barresi, Lilia Pierno, Anna Gallo, Miriangela Sardella, Salvatore Buonuomo, Vincenzo Ferretti.

Nel suo film Pisconti non presenta il solito cliché che viene spesso scelto, per il grande schermo, per le regioni del Sud: ovvero terra di criminalità e malaffare. Opta, invece, per una simpatica storia, dalla quale, è vero, traspare anche qualche "vizio" veniale della gente di queste regioni (in particolare la propensione ad interessarsi e ad immischiarsi nella vita altrui). Ma che, al termine delle tante peripezie del protagonista, lancia un messaggio positivo: viene fermata in tentativo di infiltrarsi della criminalità che arriva da un'altra regione. Il protagonista, di nome Enzo (interpretato dallo stesso Pisconti), vive nella tranquilla cittadina di Manduria. Escluso che per qualche litigio con la moglie e con la suocera, per Enzo, un giovane aspirante scrittore in attesa che qualcuno pubblichi il suo romanzo, tutto procede bene. Fino al giorno in cui viene assunto come rappresentante da una ditta di carta igienica. Nessuno vuole acquistare i suoi prodotti fino a quando un uomo misterioso non compera l'intera partita. Da quel momento in poi la vita di Enzo e quella della tranquilla cittadina manduriana cambiano radicalmente?

"Qui a Manduria tutto bene", prodotto dalla "Venti d'Arte" onlus, presieduta da Stefania Buccolieri, rientra nel genere della commedia. Il produttore esecutivo è Mauro Cappelloni, mentre la sceneggiatura è stata curata da Enzo Pisconti, Mauro Cappelloni ed Elide Cortesi. Il direttore della fotografia è Giuseppe Mariggiò. Riprese e montaggio della Pro. Di. Gi. Video. Le musiche originali sono state scritte da Victorio Mezzolla.

Testo a cura di Nando Perrone

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Qui a Manduria tutto bene". Una commedia pugliese

LeccePrima è in caricamento