rotate-mobile
Giovedì, 29 Settembre 2022
Salute

Allerta Coronavirus: mascherine e gel mani a ruba anche nel Salento

Da Gallipoli a Copertino fino a Lecce, i due prodotti sono oramai quasi introvabili. "Molti li richiedono anche per i figli e i parenti che studiano e lavorano nel Nord del Paese", spiega un farmacista

LECCE - “Mascherine esaurite”: il cartello campeggia in una farmacia di Gallipoli ma in tutto il Salento, da Lecce a Copertino, l'accessorio che potrebbe garantire una certa protezione dai virus è introvabile.

Lo stesso dicasi per il gel igienizzante per le mani che è andato letteralmente a ruba, al punto da scatenare gli istinti dei soliti avvoltoi che sono arrivati a moltiplicare in modo esponenziale il prezzo originario del prodotto. Da 3 a 22 euro per una confezione: la speculazione, neanche tanto rara, ha fatto scattare le denunce del Codacons e di altre associazioni dei consumatori in tutta Italia.

Visto in quest'ottica, il coronavirus che ha fatto scattare l'allarme per il contagio (con relativi provvedimenti di Comuni e ministero della Salute) nel Nord del Paese, sta seminando il panico anche in regioni.Reazioni forse esagerate considerato che al momento, in Puglia, non si registrano casi di infezione da Covid-19.

Va bene l'igiene, ottima l'azione di prevenzione, seguendo le indicazioni già diffuse dagli enti preposti e i consigli degli esperti. Ma il panico è giustificato?Le crisi di nervi stanno attraversando in queste ore anche il Salento, ma la corsa a proteggersi dal virus potrebbe rischiare di sfociare in una vera e propria fobia.

“Le mascherine sono introvabili già da qualche settimana – spiega un farmacista di Copertino – e anche questa mattina all'apertura del punto vendita abbiamo ricevuto telefonate e registrato un vero boom di richieste. Si è sparsa la voce, ormai, che i due prodotti sono esauriti e forse anche questo spinge le persone a cercarli”.

Gli acquirenti, spiega lui, coprono tutte le fasce d'età, senza distinzione di sesso. Non sono solo le persone anziane o con patologie croniche, dunque, a volersi difendere: “Spesso si rivolgono a noi genitori che hanno figli che studiano nel Nord d'Italia o parenti che vivono fuori. Noi tranquillizziamo chiunque venga, senza banalizzare la situazione, ricordando che al momento non si registra nessun caso in Puglia e che le autorità stanno cercando di circoscrivere la zona del contagio”, conclude il farmacista.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allerta Coronavirus: mascherine e gel mani a ruba anche nel Salento

LeccePrima è in caricamento