menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Avvio del polo pediatrico entro un anno dal voto: l'impegno scritto dei candidati

Firmato l'appello dell'associazione Tria Corda Onlus che da anni è impegnata per un dipartimento esclusivamente dedicato ai pazienti più piccoli

LECCE – A giudicare dall’adesione all’appello per la realizzazione del polo pediatrico, l’obiettivo a lungo inseguito dall’associazione Tria Corda Onlus sarà raggiunto entro un tempo ragionevole. Sei degli otto candidati alla carica di presidente della Regione hanno, infatti, apposto la firma con la quale assicurano l’attivazione in un anno del Pronto Soccorso pediatrico, di quattro posti di terapia intensiva pediatrica, di due di hospice pediatrico e quattro di neuropsichiatria infantile.

“Il fatto che tutti i principali candidati (Si tratta di Pierfranco Bruni, Mario Conca, Michele Emiliano, Raffaele Fitto, Antonella Laricchia e Ivan Scalfarotto, ndr) si siano impegnati ad attivare il Polo Pediatrico entro un anno dall’insediamento del nuovo governo regionale – ha commentato il presidente, Antonio Aguglia – significa che maggioranza e minoranza, qualunque sarà la composizione dell’assise, saranno concordi nel sostenere il progetto negli atti ufficiali che, poi, si andranno a fare. Ritengo questo largo consenso un passaggio fondamentale per raggiungere l’obiettivo nel più breve tempo possibile. Anche perché mai come in questo momento storico ci sono o stanno per arrivare, per via dell’emergenza Covid, tanti fondi destinati specificatamente al potenziamento della sanità territoriale”.

Tria Corda ha anche chiesto una definizione dell’organizzazione dell’azienda sanitaria attraverso la previsione di un Dipartimento dell’area pediatrica e la nomina del suo direttore, ma non solo: sollecitate l’implementazione del progetto di ristrutturazione del secondo piano del “Vito Fazzi” e la conclusione dell’iter per l’affidamento degli incarichi di direzione che attualmente ne sono prive, Pediatria, Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale e Chirurgia Pediatrica.

Per quanto riguarda quest’ultimo punto “la richiesta di Tria Corda è che si adottino criteri meritocratici che possano garantire la crescita qualitativa dell’offerta pediatrica, prediligendo giovani dirigenti medici di alto livello che abbiano maturato esperienze importanti da mettere al servizio dei bambini del Salento”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento