Salute

Boccata d'ossigeno per gli ospedali: in arrivo 50 infermieri e 60 Oss

La Asl procede con le assunzioni per tamponare le emergenze: i contratti sono rinnovabili e stanno per concludersi i concorsi per il reclutamento dei camici bianchi

Interno del "Fazzi", foto di repertorio.

LECCE – Una boccata d’ossigeno per l’interno comparto della sanità salentina, in vista del boom estivo che come al solito rischia di mettere in ginocchio gli ospedali del territorio.

Quest’anno la Asl di Lecce ha deciso di giocare in anticipo, chiamando 50 infermieri e 60 operatori socio-sanitari (Oss) a tempo determinato. Serviranno a rimpolpare gli organici in vista dei flussi turistici che sovraccaricheranno, prevedibilmente, reparti e punti di Pronto soccorso.

La Asl di Lecce ha messo a punto un piano delle assunzioni (delibera 1300 del 6 giugno) che cerca di tamponare anche le criticità ordinarie e il caos nella copertura dei turni dovuto alle carenze di professionisti nei presidi ospedalieri, lamentate in particolare a Gallipoli e Scorrano dal segretario Fp Cgil, Floriano Polimeno.

“A Scorrano – aveva denunciato il segretario - il carico di lavoro nel reparto di Medicina è eccessivo: 36 infermieri e 12 Oss devono far fronte ai 37 posti letto del 4° piano e ai 17 posti letto del 3° piano, con enormi difficoltà logistiche e di collegamento. Oltre all’assistenza diretta e ai numerosi trasporti secondari e altre mansioni”.

Il personale aggiuntivo sarà convocato martedì 12 giugno e, nel giro di pochi giorni, le 110 unità prenderanno servizio. L’azienda sanitaria locale ha preparato altrettanti contratti a tempo determinato, validi per 6 mesi ma prorogabili, con l’obiettivo di all’allungare l’orizzonte temporale dell’intervento ben oltre la stagione estiva.

“Si tratta di una programmazione di medio e lungo periodo che, di fatto, non mira a inseguire le emergenze ma a prevederle”, commentano i vertici di via Miglietta.

Va anche detto che dalla mobilità extraregionale sono in arrivo altri 30 infermieri a tempo indeterminato, quindi per un totale di 80, oltre a un contingente proveniente da altre Asl attraverso l’istituto del comando (a tempo determinato).

Novità in vista anche per i tecnici di radiologia: sono previsti altri 5 professionisti, a tempo determinato, e 5 a tempo indeterminato, mentre altrettanti verranno assunti attraverso la mobilità extraregionale. In arrivo anche un tecnico di laboratorio, logopedisti e fisioterapisti.

Particolare non secondario, è la decisione della Asl di prorogare tutti gli incarichi del comparto in scadenza al 30 giugno sino al prossimo 31 dicembre 2018.

Per quanto riguarda il personale medico, saranno reclutati 7 medici internisti ed è in corso la procedura di mobilità per dirigenti medici nella disciplina di Medicina interna.

La Asl di Lecce sta portando a conclusione anche i concorsi pubblici indetti per Medicina Trasfusionale (15 posti), Gastroenterologia (2 posti), Cardiochirurgia (4 posti), Nefrologia e Dialisi (4 posti). Per i direttori di struttura complessa, infine, è in corso la procedura per il conferimento di incarico per Anatomia patologica (8 giugno) e Malattie infettive.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Boccata d'ossigeno per gli ospedali: in arrivo 50 infermieri e 60 Oss

LeccePrima è in caricamento