menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Infezione da Covid-19, l'unico test utile è il tampone: il chiarimento dell'Ordine dei medici

I test sierologici, attualmente in uso, non sono ancora stati validati ma possono essere utili a capire chi ha sviluppato la risposta immunologica e può tornare a lavoro e per selezionare i soggetti da vaccinare

LECCE - Al momento l'unico test efficace per rilevare l'infezione da Covid-19 è quello del tampone orofaringeo.

Lo precisa l'Ordine dei medici di Lecce che spiega anche come i test sierologici, attualmente in uso e sperimentati anche in alcuni comuni del Salento come Tricase, Lizzanello e Montesano Salentino, non siano ancora validati da studi indipendenti.

Il test sierologico ha infatti un'insufficiente sensibilità, specialmente nelle fasi iniziali della infezione, per cui l’individuo potrebbe risultare negativo al test sierologico ma essere contagiato e continuare, quindi, a diffondere il coronavirus nella comunità.

A proposito dei tamponi, l'Omceo spiega che essi vengono eseguiti sulla base dei protocolli raccomandati dall'Oms e che la positività dipende da alcune variabili: la fase dell’infezione; materiale biologico indagato; i criteri adottati e l’accuratezza analitica del test utilizzato.

"I test sierologici possono comunque fornire informazioni utili per valutare lo stato immunitario degli operatori sanitari, per individuare coloro che sono stati a contatto con il virus ed hanno sviluppato la risposta immunologica e quindi da riammettere alle attività lavorative, e per individuare coloro che sono privi di anticorpi e quindi potenzialmente suscettibili al contagio", si legge in una nota diffusa dall'Ordine.

Questi test sono utili anche a confermare la diagnosi nei casi con manifestazioni cliniche, effettuare una valutazione delle immunoglobuline nel plasma di soggetti convalescenti e per eseguire uno screening di un campione di popolazione finalizzato alla valutazione della effettiva diffusione del virus, oppure per selezionare i soggetti da vaccinare.

"Al di fuori di queste possibili indicazioni, l’utilizzazione di questi test non risulta appropriata", puntualizza l'Omceo.

I test sierologici sono attualmente sottoposti a test di validazione, sulla base di precisi criteri stabiliti dal Consiglio superiore della sanità. "Appena saranno utilizzabili, saranno molto importanti ai fini della valutazione epidemiologica della circolazione virale", conclude la nota.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento