rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Salute

Si spegne al “Vito Fazzi” una donna di 45 anni, la famiglia dona gli organi

Il consenso al prelievo di cuore, fegato, reni e cornee dopo l'accertamento di morte encefalica. Il ringraziamento della Direzione generale per un gesto di grande generosità

LECCE – Nel dolore per la perdita di una persona cara, un gesto di grande umanità che permetterà ad altri di continuare a coltivare la speranza. Al “Vito Fazzi” di Lecce, infatti, un’equipe medica ha effettuato il prelievo di cuore, fegato, reni e cornee da una donna che, purtroppo, si è spenta a soli 45 anni nel reparto di Anestesia e rianimazione a causa di un’emorragia cerebrale.

Dopo l’accertamento di morte encefalica, i familiari della donna hanno prestato il consenso alla donazione e così si sono messi in moto gli operatori dello stesso reparto in cui era ricoverata, diretto dal dottor Giuseppe Pulito, i sanitari del gruppo operatorio, coadiuvati da medici di diverse discipline, e la direzione medica dell’ospedale. Coordinatrice ospedaliera del percorso di donazione organi e tessuti è la dottoressa Donatella Mastria.

La Direzione strategica ha ringraziato tutti coloro che sono stati coinvolti nell’intervento e ha espresso cordoglio ai familiari della donna, sottolineando la grande generosità, in un momento così delicato, nell’assumere la decisione.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si spegne al “Vito Fazzi” una donna di 45 anni, la famiglia dona gli organi

LeccePrima è in caricamento