rotate-mobile
Salute

Trasporto secondario, la firma per il passaggio dei lavoratori in Sanitaservice

Gli ex dipendenti della Tundo lavoreranno, dal 1° dicembre, per la società in house della Asl di Lecce. Emiliano soddisfatto dell'internalizzazione: "Non è un'iniziativa clientelare, oggi sottoscriviamo un patto per la sanità"

LECCE – Il contratto a tempo indeterminato diventerà effettivo il 1° dicembre, data della vera e propria svolta professionale per i lavoratori della ditta Tundo Vincenzo spa che entreranno nella pianta organica di Sanitaservice. La Asl di Lecce, attraverso la propria società in house, gestirà quindi direttamente il servizio di trasporto dei pazienti oncologici e dializzati, precedentemente affidato al soggetto privato.

Questa mattina, presso il  cinema Db d’Essai di Lecce, istituzioni, sindacati e operatori hanno scritto insieme la parola “fine” su una complicata vertenza che si trascinava da anni e che Gianni Palazzo, sindacalista di Usb, ha riassunto con queste parole: “Giungere a questo traguardo è stata quasi un'impresa: nel corso di questi 10 anni gli operatori hanno vissuto situazioni poco gratificanti all'interno della ditta privata. Nota è la battaglia per gli stipendi arretrati e i mancati pagamenti, e ancora oggi alcuni operatori avanzano diverse competenze. Dal prossimo mese, conti alla mano, saranno stabilizzati 122 lavoratori in tutto: 106 sono gli autisti dei mezzi e gli operatori sociosanitari, la parte restante è composta da personale amministrativo che, dopo essersi dimesso, è rientrato attraverso una graduatoria di concorso”.

I contratti sono stati sottoscritti nella giornata di oggi, alla presenza dell’amministratore unico di Sanitaservice Lecce Luigino Sergio, dell’assessore regionale al Lavoro, Sebastiano Leo, della vicepresidente della giunta regionale, Loredana Capone, dell'amministratore unico di Stp, Antonio Enrico Ponzo, del presidente della Provincia di Lecce, Stefano Minerva e vertici di Asl Lecce: il direttore generale Rodolfo Rollo, il direttore sanitario Roberto Carlà e il direttore amministrativo Antonio Pastore.  

Le dichiarazioni dei rappresentanti istituzionali

Alla cerimonia ha partecipato, in collegamento video, anche il governatore della Puglia, Michele Emiliano: “Grazie allo sforzo di tutti siamo riusciti a dare una soluzione a problemi antichi: dopo l'internalizzazione del 118, è la volta del servizio di trasporto secondario. In questo modo possiamo offire un lavoro stabile e garantito agli operatori; in cambio però chiediamo impegno e sacrificio perché, in una società pubblica, è necessario lavorare anche di più al fine di garantire la qualità dei servizi che rappresentano un bene comune”.

Secondo il presidente della Puglia, le società in house rappresentano uno strumento prezioso e flessibile, utile a innalzare il livello dell'assistenza sanitaria. E, a proposito dei nuovi contratti, ha sottolineato: “Non si tratta di attività clientelari ed io non so chi verrà assunto: noi stiamo firmando un impegno reciproco che ha come obiettivo quello di migliorare le prestazioni sanitarie, a vantaggio dei cittadini e dei turisti”.

I rappresentanti istituzionali, Leo, Capone, Minerva hanno definito la giornata odierna “speciale”, rappresentandosi come una grande squadra capace di lavorare insieme per il territorio. L'amministratore di Stp ha garantito il sostegno tecnico della società a Sanitaservice: “Daremo ogni supporto per garantire il trasporto di questi pazienti nei confronti dei quali la Asl sta dimostrando una forte sensibilità sociale”.

Sul palco sono intervenuti due lavoratori che, dopo i ringraziamenti di rito, si sono detti felici di aver raggiunto il traguardo della stabilità professionale ed economica: “È stata fatta giustizia, dopo anni di precariato. Ora vediamo una luce che prima era spenta: è merito di quanti hanno creduto nella possibilità di un contratto e non si sono mai stancati di lottare”.

“Se non avessimo rifondato la Sanitaservice, affidando nuovi compiti e responsabilità al suo interno, oggi non saremmo qui – ha chiosato Luigino Sergio -. Il merito è della Asl, che ha fortemente voluto questo percorso di internalizzazione per 104 precari e ringrazio anche le organizzazioni sindacali, Stp e la Provincia per il supporto”.

“Chiedo la vostra collaborazione per garantire un servizio più efficiente ed economico: oggi abbiamo mezzi che non si fermano per strada, con le gomme nuove e la benzina pagata e riusciremo a garantire anche dei risparmi rispetto alla precedente gestione della società privata – ha proseguito lui -. Inizieremo il 1° dicembre con i mezzi già noleggiati; le altre auto appena acquistate saranno consegnate nel mese di maggio 2022”.

Il prossimo passo per la Sanitaservice sarà quello di completare l'internalizzazione del servizio di emergenza – urgenza: “Abbiamo preparato il bando per inserire altre 165 unità di personale nel 118 e stiamo chiudendo la procedura per acquistare ambulanze attrezzate”, ha assicurato Sergio.

“Con la firma del contratto, una nuova persona entra nella grande famiglia della Asl di Lecce – ha commentato il direttore Rollo -. Il 1° dicembre iniziamo questa nuova avventura comune ricordandoci che i cittadini ci chiederanno conto di come stiamo operando, e noi abbiamo il dovere di servirli al meglio, organizzandoci per rispondere con efficacia ed efficienza alle esigenze dell'utenza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trasporto secondario, la firma per il passaggio dei lavoratori in Sanitaservice

LeccePrima è in caricamento