Dispositivi e connessioni per la didattica a distanza: i fondi per ciascun istituto

Nuove risorse dal decreto Ristori. In allegato le somme previste per le scuole della regione e della provincia di Lecce. La deputata del M5S, Soave Alemanno: "Lavoriamo per garantire a tutti un computer"

LECCE - Ci sono poco meno di sette milioni di euro, nell'ambito del decreto Ristori, per la didattica digitale integrata delle scuole pugliesi. La ministra Lucia Azzolina ha firmato il provvedimento di assegnazione agli istituti.

E la deputata del M5S, Soave Alemanno, membro della commissione Finanze e Attività Produttive commenta così lo stanziamento: "Serviranno per l’acquisto di dispositivi digitali e strumenti per le connessioni da fornire in comodato d’uso alle studentesse e agli studenti meno abbienti.  Faremo di tutto per tenere le scuole aperte, fino all’ultimo, finché sarà possibile, perché questo significa aiutare le fasce più deboli della popolazione e contrastare le disuguaglianze. Ma stiamo lavorando anche affinché tutti gli alunni, in caso di didattica a distanza, possano contare su un computer e una connessione. Perché la scuola è di tutti e per tutti, come dice l’articolo 34 della nostra Costituzione, ed è compito della politica rendere vero e concreto questo principio".

Scarica l'elenco con gli importi per scuola

Il nodo della didattica a distanza (Dad) in Puglia è già venuto al pettine, soprattutto dopo l'ordinanza che da venerdì scorso ha imposto la sospensione delle lezioni in presenza in tutte le scuole di ogni ordine e grado. Provvedimento doloroso, aveva spiegato il presidente della Regione, Michele Emiliano, ma ritenuto indispensabile per cercare di arginare la diffusione del Covid-19. La mossa del governo pugliese trova conferma, almeno parzialmente, nelle anticipazioni che riguardano il decreto del presidente del Consiglio dei ministri atteso per la serata di oggi: Dad in tutte le scuole superiori del Paese, ma l'ambito potrebbe essere allargato anche alle secondarie di primo grado (le medie). Si attende la formalizzazione del provvedimento. 

Intanto a Lecce sono stati già assegnati 50 degli 80 dispositivi che l'amministrazione comunale ha messo a disposizione con un bando. Un ulteriore avviso, che allargherà le maglie dei requisiti del primo, servirà a dare anche i restanti 30. Non solo: l'assessorato alla Pubblica Istruzione è impegnato a reperire altri fondi da destinare all'acquisto di notebook.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • La lite degenera: spunta pistola a salve, investito con violenza con l’auto

  • Debito di droga si trasforma in incubo: lo minacciano davanti al nipote, tre in manette

  • Favori in cambio di sesso, viagra e battute di caccia, chiesti 12 anni e mezzo per l’ex pm

  • Freddato a 22 anni con un colpo di pistola alla testa, inflitti due ergastoli

  • La coperta prende fuoco, anziano muore per ustioni: è il padre del segretario nazionale del Sap

Torna su
LeccePrima è in caricamento