Scuola

"Estendere l'appello di maggio a tutti gli studenti": l'appello al rettore della Federazione degli universitari

L'associazione chiede un'attenzione maggiore per le sessioni d'esame: "L'appello straordinario non deve essere riservato ai soli fuori corso. Non possiamo permetterci di rallentare la carriera universitaria"

In foto: Studium 2000 di UniSalento

LECCE – "Bene la didattica online, ma occorre tutelare anche le carriere universitarie degli studenti, riservando un'attenzione particolare agli appelli d'esame": i ragazzi della Federazione degli universitari promuovono gli strumenti di teledidattica adottati, in tempi di emergenza sanitaria, dall'ateneo salentino.

"Le misure intraprese sono state efficienti – scrivono in una nota stampa -: il lavoro che sta seguendo tutto il personale docente e amministrativo consente alla comunità accademica di usufruire al meglio dei servizi di teledidattica".

I ragazzi chiedono però anche un maggiore impegno per i laureandi: "L’estensione della sessione straordinaria di maggio, inizialmente riservata ai laureandi iscritti all’anno 2018-2019, a tutti gli studenti fuori corso è certamente il primo passo in questa direzione, ma non basta".

Il presidente Andrea Mattia Pacifico ricorda che l'associazione ha chiesto la sospensione del pagamento delle tasse e avanzato proposte sullo svolgimento dei tirocini.

"Ora serve chiarezza sugli appelli: dal momento che la sessione aggiuntiva di maggio è stata aperta ai fuori corso, abbiamo chiesto all’amministrazione centrale di estenderla a tutti gli studenti in corso. In questo modo verrebbero garantite le stesse modalità di recupero a tutti e si agevolerebberogli studenti per l’acquisizione dei crediti formativi minimi ai fini dell’ottenimento delle borse di studio".

Questa misura, inoltre, sarebbe di sostegno anche per tutti gli studenti lavoratori part-time e con disabilità.

"Chiediamo al rettore Fabio Pollice di rivedere le proprie posizioni in modo da non lasciare nessuno indietro", ha aggiunto il vicepresidente Lorenzo My.

"Tutti noi abbiamo il diritto di proseguire con il nostro percorso di studi e di rimanere in linea con gli esami – ha chiosato Daniela Montedoro, studentessa  in Economia e Finanza -. L'emergenza sanitaria ha creato tanti problemi e portato a un rallentamento generale. Ma noi studenti universitari non possiamo permetterci di rallentare: per questo crediamo sia giusto estendere la sessione di maggio a tutti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Estendere l'appello di maggio a tutti gli studenti": l'appello al rettore della Federazione degli universitari

LeccePrima è in caricamento