"Il nuovo protocollo Covid-19 di Adisu Puglia: meglio tardi che mai"

Ecco il nuovo Vademecum Operativo, l’idonea garanzia per gli assegnatari di posto alloggio

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima

Lo scorso 22 Gennaio 2021, con Decreto del Presidente del Consiglio di Amministrazione A.Di.S.U. n.4, è stato approvato il nuovo Protocollo per la gestione dei rischi di contagio da Covid-19, al quale segue il nuovo “Vademecum Operativo”. Cambiano le misure per il trattamento dei soggetti assegnatari posto alloggio che presentano i sintomi riconducibili all’infezione da Covid.

Diventa obbligatorio per A.Di.S.U. predisporre l’isolamento domiciliare presso le residenze universitarie di appartenenza, in stanza singola appositamente destinata​. Si dispone il coordinamento tra l’Ente, il Medico di Medicina Generale dello studente sintomatico ed il servizio di Prevenzione dell’ASL territorialmente competente, al fine di individuare la rete dei contatti stretti. Infine, ​è garantita l’immediata assistenza a tutti i sintomatici in isolamento​ mediante contatti telefonici assidui, erogazione di pasti quotidiani, fornitura di acqua, medicinali e prodotti alimentari per la colazione.

Il cambiamento è radicale se si considerano le previsioni del previgente Protocollo del 23 Settembre 2020​, mancante di prescrizioni per il coordinamento con le autorità sanitarie, di qualsiasi previsione in merito al trattamento di soggetti sintomatici e che obbligava quest’ultimi al rientro nei paesi di residenza. Già lo scorso 30 Novembre 2020 denunciavamo il pessimo trattamento riservato agli assegnatari di posto alloggio con sintomi da Covid-19, l’inadeguatezza delle disposizioni adottate da A.Di.S.U. e la mancata formazione del personale volta all’idonea assistenza nelle strutture. Pochi giorni dopo, a seguito di tale denuncia, il Direttore Generale di A.Di.S.U. Puglia, Gavino Nuzzo, invitava gli studenti a “rientrare presso le proprie abitazioni” per “correre meno rischi”, ponendoci nella scomoda posizione di dover chiarire che ​l’assegnazione di un posto alloggio è parte di una borsa di studio, rappresenta un diritto, non un privilegio e che è compito di A.Di.S.U. Puglia garantirne l’esercizio in sicurezza​.

È con estremo ritardo che l’Ente interviene adottando un nuovo Protocollo aggiornato che, a distanza di diverso tempo, dimostra che i nostri dubbi hanno sempre avuto un fondamento e che le nostre osservazioni, nonostante il silenzio assordante dell’Amministrazione, sono state di fatto accolte. Le nostre considerazioni, in merito al possibile contrasto tra le misure di gestione adottate ed alcune norme nazionali successivamente sopravvenute, finalmente trovano un riscontro nell’applicazione del nuovo Protocollo. <<​Riteniamo che l’attuale “Vademecum Operativo” adottato, possa ritenersi sufficientemente idoneo a garantire una responsabile e sicura gestione del rischio di contagio da Covid-19, e l’osservanza dei protocolli nazionali vigenti​>> dichiara Lorenzo D’Amico, portavoce del sindacato “Studenti Indipendenti- UDU Lecce”.

I più letti
Torna su
LeccePrima è in caricamento