La storia del liceo “Siciliani” per il Festival della Public History

L’evento, che ha avuto l'alto patronato della Presidenza della Repubblica, intitolato: “Storie di comunità e comunità di storia”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima

IL Liceo statale “Pietro Siciliani” di Lecce ha aperto le sue porte ai ragazzi della scuola media 'Scipione Ammirato' per il “Festival Internazionale della Public History”, organizzato dall'Università del Salento. L’evento, che ha avuto quest'anno l'alto patronato della Presidenza della Repubblica, è stato intitolato: “Storie di comunità e comunità di storia” e ha avuto come scopo la valorizzazione delle comunità locali.

I ragazzi delle classi terze sono stati ospitati presso il Liceo “P. Siciliani", che ha aderito all'iniziativa, esponendo il suo prestigioso patrimonio artistico e culturale. Appena arrivati, gli studenti sono stati accolti dagli alunni della 4FL dell’Istituto, che hanno fatto da guida in questo percorso. Sono stati divisi in due gruppi, per visitare i laboratori di fisica e scienze e la biblioteca scolastica con il suo Fondo storico e l’Archivio storico. L’obiettivo e' stato quello di promuovere lo sviluppo del pensiero razionale e favorire la crescita della cultura scientifica e storico- umanistica, incoraggiando l’interesse per la scienza, la storia e la lettura.

La visita ha dato, inoltre, l’opportunità di conoscere la storia dei 150 anni del Liceo, il cui patrimonio storico è stato rivalutato e valorizzato negli ultimi anni. Grazie a questo evento i piccoli visitatori hanno compreso l’importanza del fondo storico e della strumentazione dei laboratori scientifici, che sono una grande risorsa territoriale e costituiscono il patrimonio materiale e immateriale del Liceo. È stato un vero e proprio viaggio nel tempo alla scoperta del mondo della nostra scuola.

Andrea Gaetani ( 5AL) In foto classe IV FL

Torna su
LeccePrima è in caricamento