rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Vi si può attingere da subito

Legalità, natura e molto altro: l’offerta formativa per le scuole del Comune di Lecce

La Giunta ha approvato, su proposta dell’assessora alla Pubblica istruzione Fabiana Cicirillo, il piano per l'anno 2023-24. Una rosa di progetti che gli istituti potranno integrare

LECCE - La Giunta comunale ha approvato nei giorni scorsi, su proposta dell’assessora alla Pubbliza istruzione Fabiana Cicirillo, il piano dell’offerta formativa territoriale per l’anno scolastico 2023-24, destinato agli istituti leccesi del primo ciclo. Il piano si compone di 76 proposte di attività rivolte agli alunni, che le scuole, nella loro autonomia, potranno decidere di attivare a integrazione dell’offerta formativa.

Le attività sono state selezionate con avviso pubblico lo scorso aprile. Si articolano in otto aree tematiche: educazione alla pace, alla legalità, ai diritti umani e all’inclusione; promozione della lettura e del gioco; valorizzazione della memoria storica e del patrimonio artistico cittadino; valorizzazione di tutte le espressioni dell’arte; valorizzazione del volontariato sia nella cura dei beni comuni, sia nelle attività sociali e di supporto educativo; educazione all’ambiente, alla sostenibilità ambientale, alla mobilità sostenibile; promozione della salute, del benessere e della pratica sportiva; alfabetizzazione per la prevenzione della discriminazione di genere, bullismo, cyberbullismo, omofobia.

Il piano dell’offerta consentirà alle scuole, nella propria autonomia, di avere a disposizione una rosa di progetti coerenti con le aree tematiche già concordate, da valutare e mettere a confronto. Sono presenti attività culturali proposte da associazioni e fondazioni, spettacoli teatrali, laboratori di lettura e ascolto, esperienze di formazione sui temi dell’inclusività, della pace, dell’ambiente e della mobilità sostenibile.

Presenti anche le visite ai musei e ai servizi culturali della città (Must, OgniBene, Acchiappalibri, Musa di Unisalento), ai parchi e beni naturalistici, come il Parco di Rauccio, esperienze formative sulla cultura della sicurezza stradale, con la polizia locale, e sulla conoscenza del territorio, delle sue tradizioni, attività artigianali e colture autoctone (qui si può consultare il piano).

“Spesso si parla dei bambini come dei cittadini del domani, in realtà loro sono già qui e il nostro compito è mettergli a disposizione tutte le occasioni possibili di crescita e conoscenza che li aiutino a vivere in maniera consapevole e attenta il rapporto con la città e con il territorio, che cominciano a sviluppare attraverso la scuola”, dichiara l’assessora Cicirillo.

“La novità di cui siamo particolarmente orgogliosi – aggiunge – è aver messo a punto, muovendoci per tempo con l’avviso pubblico ad aprile scorso, già all’inizio dell’anno un’offerta così completa da cui le scuole possono attingere da subito. È stato possibile grazie alla sinergia tra il settore Pubblica istruzione e il mondo dell’associazionismo, delle fondazioni e dell’impresa culturale e con Unisalento. Nel piano sono ben presenti i servizi e le attività culturali che il Comune offre ai cittadini, dal Museo storico alla Biblioteca OgniBene, all’Acchiappalibri al Parco di Rauccio. Ringrazio gli uffici del settore Pubblica istruzione – conclude l’assessora – per la cura e la passione con la quale quotidianamente sono al servizio delle famiglie leccesi e dei bambini”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Legalità, natura e molto altro: l’offerta formativa per le scuole del Comune di Lecce

LeccePrima è in caricamento