Sabato, 19 Giugno 2021
Scuola

Link e Udu: "Calcinacci caduti nell'aula destinata alla prova d'esame"

Le due associazioni universitarie ripropongono il tema della manutenzioni degli edifici dell'Università del Salento dopo un episodio nel plesso di via Brenta

Il messaggio che ha informato gli studenti del cambio d'aula.

LECCE – La caduta di calcinacci dal controsoffitto ha interessato l’aula ED1 del plesso universitario di via Brenta, secondo quanto riferito dalle associazioni Link Lecce e Udu - Studenti Indipendenti. Non è dato sapere se il cedimento sia avvenuto nella notte scorsa o in quella precedente, tra sabato e domenica, ma resta il fatto che un cartello affisso alla porta di ingresso dell'edificio avvisava questa mattina gli studenti del cambiamento di sede per sostenere una prova dell'esame di Storia dell'Educazione.

“Riteniamo inammissibile che si continui a far finta di nulla, minimizzando l’accaduto e cercando di evitare di assumersi le conseguenti responsabilità – dichiara Simone Palma, rappresentante degli studenti per Link Lecce -. È paradossale che l’edilizia e la manutenzione dei plessi continuino a non essere una priorità di questa amministrazione, nonostante le problematiche si ripresentino regolarmente. È giunto il momento di lavorare a soluzioni concrete, che risolvano il problema alla radice, senza false promesse che poi si dimostrano solo fumo”. 

L’associazione Link ricorda i recenti episodi di allagamenti e cedimenti a causa di un banale temporale e lamenta il ritardo nell’utilizzo dei fondi previsti nel Piano per il Sud, puntando direttamente l’indice contro Vincenzo Zara: “Pretendiamo che il rettore predisponga immediatamente un piano di manutenzione straordinaria. Siamo stanchi di essere presi in giro: la sicurezza degli studenti non può non essere una priorità in questo ateneo.

Non diversa la posizione di Udu: "Quello che è avvenuto in Via Brenta è gravissimo e purtroppo non è la prima volta che si verificano fatti del genere. Molte delle strutture nelle quali si tengono le nostre lezioni non sono idonee a garantire un corretto svolgimento delle stesse e in alcuni casi non sono sicure per l'incolumità di chi le frequenta. Già l'anno scorso segnalammo a chi di competenza quanti e quali fossero i casi su cui intervenire. Lo facemmo all'interno della campagna 'Carry on', partendo dalle segnalazioni che tanti studenti ci avevano inviato. Quello che emerse fu un quadro davvero desolante delle condizioni in cui versano tutti i plessi nei quali si svolge la vita universitaria. Dispiace constatare che nulla è stato fatto per porre rimedio alla situazione. La qualità di una università dipende anche dalla qualità degli spazi e dalla sicurezza di chi li frequenta".

Anche per Udu sul banco degli imputati c'è il rettore: "Non ci resta che constatare che per il nostro rettore, Vincenzo Zara, l'incolumità degli studenti non sembra essere una priorità, poiché nessun intervento ha mai fatto seguito ai numerosi allagamenti e crolli verificatisi negli ultimi anni".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Link e Udu: "Calcinacci caduti nell'aula destinata alla prova d'esame"

LeccePrima è in caricamento