rotate-mobile
Scuola

Progetto Pit-Stop: 10 totem multimediali e corsi di formazione contro la guida pericolosa fra i giovani

È stata presentata nella mattinata di oggi l’iniziativa ideata da Comune di Lecce e Aci e finanziata con 350mila euro

LECCE – Convincere i più giovani, tra i 18 e i 25 anni, a non mettersi alla guida senza le condizioni psicofisiche adeguate. Nella mattinata di oggi, alla Biblioteca OgniBene di Lecce, in occasione della Settimana europea della mobilità, è stato presentato il progetto "Pit-Stop: Lust for life! It's top”, dedicato alla prevenzione e al contrasto dell'incidentalità correlata all’uso di alcol e droga. Una campagna di comunicazione e sensibilizzazione realizzata dal Comune di Lecce - Settore Polizia locale e protezione civile, mobilità e viabilità in collaborazione con l’Automobile Club Lecce e finanziata con 350mila euro dal Fondo contro l’incidentalità notturna della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Il progetto leccese si è classificato primo, a pari merito con Reggio Emilia, in un graduatoria che includeva 48 Comuni italiani.

Nell'ambito del progetto sono previsti strumenti di comunicazione online (totem multimediali, sito, app) e offline (claim, brochure), un video che ne racchiude il senso, il contest "Frazioni di secondo", una iniziativa partecipativa per la creazione di reels da divulgare sul web, e un ciclo di appuntamenti e incontri di formazione. Sono stati allestiti dei totem interattivi, ciascuno dotato di un “videogame” che misura la capacità di reazione dei riflessi. I totem saranno anche dotati di un quiz per testare il proprio livello di conoscenza delle norme del Codice della strada e del Codice penale in materia di guida in stato di ebbrezza o sotto l'effetto di stupefacenti.

I 10 totem sono stati installati in tre luoghi pubblici: Piazza Vittorio Emanuele II, Viale Oronzo Quarta nei pressi del Convitto Palmieri, Via Salvatore Trinchese altezza Piazza Alleanza e presso: ACI – Automobile Club Lecce, Autoscuola Personè ACI Ready2Go, Liceo Classico e Musicale Giuseppe Palmieri, Liceo Scientifico Statale Cosimo De Giorgi, Liceo Scientifico Statale Banzi-Bazoli, I.I.S.S Enrico Fermi e Unisalento Studium 2000. La campagna di comunicazione ha previsto anche la realizzazione di un sito www.pitstoplecce.com e di un’applicazione per smartphone che si chiama PITSTOP Lecce e che si scarica da App Store e Google Play. Su entrambi si trovano, in sostanza, gli stessi contenuti multimediali presenti sui totem. Inoltre, è stato realizzato il video “L'esperimento”, disponibile sul sito: tre ragazzi tra i 18 e i 25 anni sono stati coinvolti in un esperimento sociale durante il quale sono stati sottoposti ad alcuni test legati agli effetti dell’alcol e delle sostanze stupefacenti sulla guida.

Pit Stop prevede anche attività di formazione e sensibilizzazione all’educazione stradale nelle scuole superiori e nell’Università, realizzate in collaborazione con formatori Aci, per approfondire temi quali le cause degli incidenti, le condizioni psicofisiche del conducente e fattori di rischio, le sostanze stupefacenti (assunzione ed effetti sulle capacità di guida), l'alcol (assunzione ed effetti sulle capacità di guida), il tasso alcolemico, quanto si può bere e cosa fare se si è bevuto.

Le dichiarazioni dei presenti durante la conferenza stampa

Chiunque di noi conosce almeno una persona che sia stata vittima di un incidente stradale. Questo ci dà l'idea – dichiara il sindaco di Lecce Carlo Salvemini – di quanto siano necessarie campagne di sensibilizzazione come il progetto PitStop promosso dalle istutuzioni. Questa campagna nello specifico ha una sua articolazione e strategicità che non si limita alla proiezione di uno spot, ma prevede una serie di azioni su scala territoriale e coinvolge gli istituti scolastici e l'Università. È una campagna che intende colpire le coscienze attraverso un messaggio sistematico e ricorrente, diffuso in città, grazie alla presenza dei totem multimediali posizionati nei luoghi (scuole, università e piazze) più frequentati dalla fascia dei neopatentati, spesso alla guida di auto di grossa cilindrata. Anche se mi auguro che possano produrre il loro effetto anche su chi ha più di 25 anni perché la prudenza in auto non deve avere età”. 

“Nel gergo delle competizioni automobilistiche il ‘Pit Stop’ indica l'azione di fermarsi ai box per fare rifornimento o cambio gomme per poi rimettersi in gara – dichiara il presidente Aci Lecce Francesco Sticchi Damiani-. E proprio da questa immagine siamo partiti nella progettazione con lo scopo di far fermare l’attenzione dei destinatari sui pericoli della guida in stato di ebbrezza o sotto effetto di sostanze stupefacenti, per poi ripartire con un serbatoio di consapevolezza in piena sicurezza. L’idea progettuale nata all’ACI di Lecce è stata riconosciuta meritevole a livello nazionale e premiata con il primo posto e un finanziamento importante, siamo davvero felici che a beneficiarne sia stato il Comune di Lecce e oggi possiamo vedere il risultato concreto di un grande lavoro di squadra, per la salvaguardia dei nostri giovani e per formare una coscienza civica proattiva».

“L’educazione stradale e la sicurezza stradale sono due imperativi per la Polizia locale di Lecce. Chi come noi è chiamato tutti i giorni ad intervenire sul teatro dei sinistri stradali dove si consumano vere tragedie umane – dichiara il comandate della Polizia Locale di Lecce Donato Zacheo – avverte come una necessità morale, oltre che un dovere istituzionale dare un contributo concreto per invertire la rotta. Questo progetto è  frutto di un’urgenza sociale. Sempre più spesso gli incidenti più gravi  sono causati da comportamenti alla guida provocati dagli effetti dell’assunzione di alcolici o droghe, eppure sappiamo che questa scia di sangue potrebbe essere evitata , se solo ci si fermasse un attimo a riflettere e prima di mettersi alla guida ubriachi o dopo aver assunto sostanze psicotrope, mettendo a rischio la propria vita e quella degli altri, si scegliesse un’alternativa, perché c’è sempre un’alternativa! Il nostro obiettivo è di mantenere alta l’attenzione sul tema  anche dopo la conclusione del progetto, che è prevista il 30 novembre prossimo, con l’impegno nostro e la collaborazione dei referenti di scuole, Aci e Università”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Progetto Pit-Stop: 10 totem multimediali e corsi di formazione contro la guida pericolosa fra i giovani

LeccePrima è in caricamento