rotate-mobile
Scuola

Uil a scuola contro la violenza: speciale cassetta per lettere e camper del 113

L’incontro è organizzato dal Coordinamento pari opportunità del sindacato per affrontare i temi della violenza di genere, bullismo e cyberbullismo con studenti e studentesse dello stesso istituto, ma anche dei licei “De Giorgi” e “Palmieri” e dell’Istituto tecnico “Deledda”

LECCE – Proseguono le iniziative contro la violenza di genere. E sul tema interviene anche la Uil Lecce, che sceglie la scuola per riflettere anche sul cyberbullismo e su tutte le altre forme di sopraffazione. Alle 9 di domani, mercoledì 30 novembre, gli studenti dei licei Banzi, De Giorgi, Palmieri e dell’Istituto tecnico Deledda prenderanno infatti parte all’iniziativa all’interno dell’aula magna del Banzi, dove sarà presente anche l’equipe multidisciplinare della Polizia di Stato del progetto Camper “Questo non è amore”.

L’incontro è organizzato dal Coordinamento pari opportunità del sindacato per affrontare i temi della violenza di genere, bullismo e cyberbullismo con studenti e studentesse del territorio. A dialogare con gli alunni delle classi seconde, terze, quarte e quinte saranno anche i poliziotti del progetto Camper “Questo non è amore”, la cui postazione mobile sosterà davanti alle porte della scuola con l’obiettivo di informare sulle attività di prevenzione e contrasto alla violenza di genere.

Nel corso dell’incontro, sarà presentata la cassetta postale rossa “Sos Violenza” che verrà installata davanti alla sede della Uil di Lecce, in via Pietro Palumbo 2, accanto alla panchina dello stesso colore dove è impresso il numero gratuito antiviolenza e stalking 1522.

“Quella della cassetta postale è un’iniziativa simbolica – sottolineano Mauro Fioretti e Lucia Orlando - volta a sostenere una battaglia civile, ma anche per aumentare la sensibilità dell’opinione pubblica su questa piaga globale. Nella cassetta porta lettere sarà possibile depositare le richieste di aiuto, anche in forma anonima, che saranno prese in carico dai nostri esperti del Centro antiviolenza Mobbing & Stalking ed inoltrate alle autorità competenti. È ferma volontà di tutti di contrastare qualsiasi tipo di violenza e di discriminazione contro le donne, nei luoghi di vita e di lavoro. Ognuno di noi deve farsi portavoce di questo dramma che continua a mietere vittime anche tra i giovanissimi, per questo è fondamentale continuare a parlarne, a partire dalla scuola. Ringraziamo per la collaborazione il Ministero degli Interni, la Polizia di Stato e il questore di Lecce Andrea Valentino”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uil a scuola contro la violenza: speciale cassetta per lettere e camper del 113

LeccePrima è in caricamento