menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio: il rettorato di UniSalento

Foto di repertorio: il rettorato di UniSalento

Il Salento insieme a Kazakhstan, Albania e Cina: riparte l'Erasmus universitario

Quattro gli atenei coinvolti nel progetto che durerà due anni coinvolgerà 50 persone tra docenti, personale tecnico-amministrativo e studenti

LECCE – Riparte l'Erasmus all'Università del Salento. E l'ateneo programma, per i prossimi due anni, gli scambi interculturali con l’Università di Valona in Albania, l’Università nazionale del Kazakhstan “Al-Farabi” di Almaty e l’Università Jinan di Guangzhou in Cina.

I dettagli sul progetto sono stati messi a punto ieri, 21 gennaio, durante un incontro oline e si è stabilito che si terranno più di 30 scambi tra docenti, personale tecnico-amministrativo e studenti dei quattro atenei grazie a un finanziamento ottenuto nell’ambito del programma dell’Unione Europea Erasmus+ KA107.

Per quanto riguarda UniSalento, saranno coinvolti personale e studenti dei dipartimenti di Ingegneria dell’innovazione, Scienze e tecnologie biologiche e ambientali e Studi umanistici.

“Nonostante persistano le difficoltà della pandemia, non abbiamo mai sospeso il nostro lavoro e portato avanti tutto quello che si poteva fare per essere pronti ad attuare  le attività di mobilità del progetto che abbiamo appena lanciato”, spiega il professor Claudio Petti, responsabile scientifico del progetto assieme alle professoresse Valeria Specchia e Monica Genesin.

“L’incontro virtuale ha visto la partecipazione di più di 50 persone dei quattro atenei coinvolti, proprio nella prospettiva di incontrarci per celebrare il lavoro svolto e l’impegno profuso negli scorsi mesi, mettendo a frutto ogni esperienza, mezzo o modalità di interazione a disposizione. Un passo simbolico, ma che trova la sua concretezza nella possibilità di avviare gli scambi il primo giorno utile possibile. Ciò è anche consentito dalla rodata collaborazione tra i partner del progetto, che ha visto negli anni recenti flussi intensi di scambio di studenti e personale, nonché progetti e attività di ricerca in comune. Una dimostrazione di quanto obiettivi e, soprattutto, un sentire comune, possano tramutarsi in un percorso capace di superare ogni difficoltà”, ha concluso.

Nel corso dell’incontro online sono intervenuti i direttori dei dipartimenti UniSalento Antonio Ficarella (Ingegneria dell’innovazione), Ludovico Valli (DiSTeBA) e Maria Grazia Guido (Studi umanistici), la delegata del rettore alla Proiezione internazionale Rosita D’Amora, le docenti Monica Genesin e Francesca Bianchi per le attività di scambio tra il dipartimento di Studi umanistici e quello di Lingue straniere dell’Università “Ismail Qemali” di Valona, la professoressa Valeria Specchia per le attività di scambio tra il dipartimento di Scienze e tecnologie biologiche e ambientali e la Facoltà di Biologia e biotecnologie dell’Università nazionale del Kazakhstan “Al-Farabi”, e lo stesso professor Petti per le attività di scambio tra il dipartimento di Ingegneria dell’innovazione e la School of management della Jinan University.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento