rotate-mobile
Mercoledì, 29 Giugno 2022
Scuola

"Scuola e teatro", l'Università Cattolica premia 33 alunni del liceo "Palmieri"

La trasposizione video de l'Edipo Re ha fatto ricevere agli studenti salentini il primo premio al "Festival Thauma - Teatro Antico In Scena-Playing Oedipus Tyrannus" organizzato dall'Università Cattolica di Milano

LECCE - Il cortometraggio frutto del laboratorio teatrale che ha visto coinvolti 33 alunni del liceo “Palmieri” diretti dagli attori e pedagoghi di Koreja Carlo Durante e Andjelka Vulic, nasce dalla rielaborazione scenica dell’Edipo Re di Sofocle. Nella prima fase del laboratorio i ragazzi hanno scelto di concentrarsi sulla prima parte delle vicende di Edipo: l’omicidio di un Re, indizi, oracoli, indovini, testimoni e un Edipo-investigatore che si prende carico di fare chiarezza e di smascherare l'assassino. Da questo lavoro si è passati alla trasposizione in video che per la giuria del Festival Thauma - Teatro Antico In Scena-Playing Oedipus Tyrannus' organizzato dall'Università Cattolica di Milano ha meritato il primo premio con le seguenti motivazioni:

La proposta risponde ai 3 criteri dal Festival perché il video è a miglior rappresentazione complessiva e la soluzione artisticamente più efficace nella quale è emersa una vera partecipazione corale. Questi ultimi si sono abilmente sovrapposti l’uno all’altro anche nell’interpretazione di un medesimo personaggio senza far trasparire alcuna discontinuità ma riuscendo anzi a caratterizzare con ancor maggiore efficacia la complessità dei caratteri. Il linguaggio scelto è quello attualissimo dei video clip con un uso suggestivo del bianco e nero, utilizzato con coerenza e maestria, curato in tutti i particolari senza tradire l’interpretazione del testo antico di cui coglie questioni fondamentali. Coerentemente con il linguaggio scelto, il testo originale nella traduzione di Correale è stato attualizzato e inframmezzato con voci fuoricampo, pensieri dei personaggi, rielaborazioni sul tema. Le frasi espresse dai ragazzi che passano per strada e si interrogano sulle indecisioni anche le più banali e sulle perplessità del quotidiano ben veicolano il senso del dubbio e dell’incertezza cognitiva che la tragedia vuol comunicare. Nonostante le contaminazioni con la contemporaneità allo spettatore viene consegnato in pieno il senso del primo episodio e dello scontro tra Edipo il profeta di Tiresia. Interessante la scelta di alludere al genere del film noir, ben studiato in alcuni suoi caratteri distintivi. In un video giocato tutto sul bianco e nero particolarmente felice appaiono sia la scelta di sovrapporre un attore nero a uno albino, sia gli zoom su bocche e occhi con il finale concentrato soprattutto su questi ultimi che potentemente scorrono uno dopo l’altro a rappresentare il vedere senza sapere per arrivare al sapere senza più vedere di Edipo. Ottimo anche il gioco delle ombre sugli occhi. Il risultato finale è fresco e capace di suscitare emozioni. Gli attori si sono appropriati del testo tragico facendolo proprio e lo hanno proposto con una recitazione pacata, concentrata ed efficace. La trasposizione ha portato in qualche caso a semplificare l’interpretazione, ma considerato il lavoro complessivo, la scelta risulta coerente e l’effetto tragico è raggiunto in pieno. Ottimo esperimento didattico per l’esperimento teatrale che coinvolge i ragazzi anche nella fase di ripresa post-produzione del video. 

12-7-3

Il cortometraggio è stato presentato al pubblico lo scorso 28 e 29 maggio all’interno di Luci nell'ombra  lo spettacolo conclusivo del laboratorio teatrale iniziato a Novembre 2021 con gli alunni del Palmieri. 

Dopo due lunghi e difficili anni di attività online, – racconta la dirigente scolastica professoressa Loredana DI Cuonzo -  finalmente, pur con la dovuta prudenza, abbiamo avuto la gioia di rivedere le nostre alunne ed i nostri alunni calcare le scene di un teatro ed entrare in relazione con il pubblico. E non potevamo non ripartire da un classico della letteratura greca. L’Edipo re di Sofocle, sotto la guida esperta di attori e pedagoghi quali Carlo Durante e Andjelka Vulic, che è stato riletto e reinterpretato grazie alla grande creatività dei nostri studenti. Il risultato di questo lavoro che ha visto anche la produzione di un video che ha vinto il primo premio in un Festival Nazionale e prestigioso come THAUMA dimostra – come da tradizione per il Palmieri - che la parte più entusiasmante è proprio questa, maneggiare i materiali classici facendoli così rivivere.

5-19-17

Luci nell'ombra

Saggio-spettacolo del Laboratorio Teatrale del Liceo Classico Statale “G. Palmieri”
Diretto da Carlo Durante e Andjelka Vulic attori e pedagoghi di Koreja 
Con Samuele Angoni, Maria Cristina Barletta, Flavia Belloni, Michelangelo Cafagna, Greta Calogiuri, Lucio Ennio Caprioli, Angelo Carlà, Alessandro Carlà, Samuele Cordella, Alessio De Giuseppe, Margherita De Rhegzy, Chrislyn Joy Fortu, Antonio Grasso, Melanie Maria Ingrosso, Sofia La Gioia, Maria Luisa Lanzilao, Anna Lioy, Gabriella Luperto, Marta Marchello, Pietro Miglietta, Noemi Montevero, Davide Mosso, El Hadji Ngom, Vittoria Nuzzaci, Elisa Pantaleo, Federica Rella, Ludovico Rizza, Serena Rizzo, Maria Beatrice Ruppi, Maria Luna Schito, Francesca Stefano, Mirko Tondo, Pietro Angelo Tramacere.
Si ringraziano la Dirigente Scolastica prof.ssa Loredana Di Cuonzo 
e la Tutor del progetto prof.ssa Danila Capozza

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Scuola e teatro", l'Università Cattolica premia 33 alunni del liceo "Palmieri"

LeccePrima è in caricamento