settimana

Attentato incendiario all’impresario funebre: in fumo una Jaguar, furgone e carro

Il rogo doloso appiccato alla periferia di Lecce, su un terreno privato intestato alla vittima. I piromani hanno anche ruotato le videocamere per non essere immortalati

LECCE - Attentato incendiario ai mezzi del socio di un’agenzia funebre della città. E’ accaduto nella notte, alla periferia di Lecce. Ignoti, muniti di liquido infiammabile, lo hanno infatti versato sui veicoli, per poi dar fuoco a una Jaguar, un furgone Fiat Ducato e a un carro funebre. I veicoli erano parcheggiati su un terreno privato, nella zona della tangenziale est della città, intestato a uno dei soci dell’amministratore della ditta, specializzata negli allestimenti funerari.

Prima di passare all’azione, i piromani hanno anche ruotato le videocamere del sistema di sorveglianza presente sul fondo, orientandole in modo da non essere immortalati. Hanno cosparso di carburante i veicoli, dopo aver scavalcato la recinzione che circonda la zona, è partita la fiammata che ha avvolto, nel giro di pochi secondo, l’auto di lusso, il furgone e, leggermente, il carro funebre che si trovava parcheggiato accanto.

Sul luogo, i vigili del fuoco del comando provinciale, per spegnere l’incendio. Le operazioni si sono protratte per diverso tempo e, al termine dell’intervento, sono stati avviati sopralluoghi e accertamenti per cercare di recuperare tracce lasciate, eventualmente, dai malviventi.

IMG_7269-3L’ispezione è stata eseguita anche alla presenza dei carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Lecce, guidata dal capitano Flavio Pieroni. I militari dell’Arma hanno subito ascoltato il malcapitato, per scavare nella recente rete dei suoi contatti e capire se qualcuno abbia potuto lanciare messaggi intimidatori con altre modalità prima di passare a quello, più grave, inviato nella notte.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attentato incendiario all’impresario funebre: in fumo una Jaguar, furgone e carro

LeccePrima è in caricamento