Esplosione per una fuga di gas: anziana resta sotto le macerie

La tragedia in mattinata, ad Aradeo, nell’abitazione della donna. La deflagrazione ha demolito il solaio e le pareti retrostanti

Via Silvio Pellico, dopo la drammatica notizia.

ARADEO – L’ultimo giorno del 2018 tra lutto e dolore per la comunità di Aradeo, colpita poche ore prima dalla morte di un giovane motociclista e questa mattina anche da quello di un’anziana. Un’esplosione, dovuta presumibilmente alla fuga di gas da una bombola, ha infatti sbriciolato il solaio dell’abitazione al civico 52 di via Silvio Pellico: Gina Casaluci, l’anziana proprietaria, di 82 anni, sola al momento dell’accaduto, è rimasta sotto le macerie, dove è stata estratta purtroppo senza vita dai soccorritori. Le pareti retrostanti dell'edificio hanno ceduto completamente.

La deflagrazione, udita a diverse decine di metri di distanza, pochi minuti prima delle 8. I residenti sono usciti subito in strada, allarmati da quel forte boato, per poi allertare i soccorsi. Sul luogo, nel giro di pochi minuti, gli operatori del 118 e i vigili del fuoco di Lecce e  del distaccamento di Gallipoli, assieme ai pompieri cinofili. La zona è anche presidiata  da due pattuglie del commissariato di polizia locale, con il dirigente sul posto, dalla polizia locale e dai carabinieri della compagnia di Gallipoli. L'area è stata interamente transennata, per consentire le operazioni e tutelare l'incolumità dei residenti.

Video: sul luogo della tragedia

Dopo aver messo in sicurezza l'intero isolato, il personale del 115 ha eseguito un sopralluogo alla presenza dei dipendenti dell'Ufficio tecnico del Comune. La struttura è seriamente compromessa e dichiarata inagibile, mentre si valutano anche i danni arrecati dall'esplosione anche a un edificio alle spalle. Non vi sono però residenti rimasti feriti. La salma della vittima, su disposizione dell'autorità giudiziaria, è stata intanto trasferita presso l'obitorio dell'ospedale "Vito Fazzi" di Lecce. Nel corso delle prossime ore il medico legale incaricato eseguirà un'ispezione cadaverica sul corpo dell'anziana, per poi restituirlo ai suoi famigliari per il rito funebre. Il cordoglio e la solidarietà alla famiglia della vittima, così come di quella del 36enne deceduto poche ore prima, è giunto anche dall'amministrazione comunale di Aradeo e dallo stesso primo cittadino, Luigi Arcuti.

È di un anno addietro, sempre durante le festività, un altro episodio simile: nel giorno dell'Epifania, infatti, l'onda d'urto di un'esplosione demolì una palazzina nel centro di Martano. L'abitazione fu danneggiata mentre, all'interno, dormivano l'anziana proprietaria, assieme al figlio di 50 anni. Entrambi restarono feriti, l'uomo in maniera più grave. Sopravvissuto all'incidente di quella portata, però, il 50enne è poi deceduto a settembre scorso in un terribile sinistro stradale sulla statale 16.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trascina la figlia per l'orecchio, i clienti del bar si ribellano e finisce a botte

  • Coronavirus in Puglia: nove positivi, cinque nel Salento fra cui anziano di una Rsa

  • Sospetta violenza sessuale: 20enne con forti dolori denuncia stupro

  • Infezione da Covid-19: sono 56 i casi positivi nel Salento, 6 a Lecce

  • Nessuno stupro a Gallipoli: falso allarme, i due appartati prima del collasso

  • Dall’epidemiologo “supposte di realismo”: al Sud a rischio il 99 per cento dei cittadini

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento