settimana

Il caso 275 approda dinanzi al Consiglio di Stato, la sentenza tra un mese

Si tratta dell'annullamento dell’aggiudicazione alla Società Integra, di esclusione dell’Ati Matarrese-Palumbo e dell’intera gara

LECCE – Sono stati discussi dinanzi alla Quinta Sezione del Consiglio di Stato i ricorsi d’appello in merito alla complessa vicenda della 275. Si tratta del contenzioso sui provvedimenti di annullamento dell’aggiudicazione alla Società Integra, di esclusione dell’Ati Matarrese-Palumbo e dell’annullamento dell’intera gara. Su tali provvedimenti si era espresso il Tar di Lecce con tre sentenze, due di rigetto ed una di accoglimento del ricorso dell’Ati Matarrese avverso il provvedimento di esclusione. Gli appelli delle parti sono stati decisi nel merito.

L’avvocato Pietro Quinto, per la Matarrese-Palumbo, ha sottolineato nella discussione che l’unico punto fermo in tutta la vicenda piuttosto articolata della 275 è che, se nel 2012 Anas non avesse commesso le macroscopiche illegittimità accertate dal Consiglio di Stato con la sentenza n. 3344/2014, l’aggiudicataria sarebbe stata l’Ati Matarrese e l’opera sarebbe in avanzato stato di esecuzione. A dimostrazione – ha continuato l’avvocato Quinto – che non sono i giudici amministrativa a bloccare le opere pubbliche bensì molto spesso la inefficienza e la incapacità delle pubbliche amministrazioni. Per questo ha chiesto al Consiglio di Stato di valutare l’intera vicenda tenendo conto di questo vizio originario che poi è stata la causa di tutte le complicazioni successive.

Nella discussione sono intervenuti i difensori di Anas che hanno richiamato le memorie difensive ed i difensori di Integra che hanno ribadito l’illegittimità dell’esercizio del potere di autotutela sull’originario provvedimento di aggiudicazione avuto riguardo al lungo tempo trascorso.

Il collegio della Sezione Quinta si è riservato di decidere. La sentenza sarà emessa non prima di un mese.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il caso 275 approda dinanzi al Consiglio di Stato, la sentenza tra un mese

LeccePrima è in caricamento