Domenica, 16 Maggio 2021
settimana

Lavorare a 80 anni: Luisa costretta sul telaio da una misera pensione

L'anziana signora residente a Cerfignano ha raccontato la sua storia alle telecamere di Rete4: "Lo Stato ci lascia morire"

SANTA CESAREA TERME – Alla tenera età di 80 anni la signora Luisa non può godersi la vita: i nipoti, il tempo libero, il riposo domestico. Nulla di tutto ciò. L’anziana signora originaria di Cerfignano, frazione di Santa Cesarea Terme, in provincia di Lecce, è costretta a lavorare per integrare una misera pensione che non le permette di tirare avanti con dignità.

Seduta al telaio che ha ereditato dalla nonna, racconta alle telecamere della trasmissione “Dalla vostra parte”, programma di approfondimento serale del Tg4, la sua storia infarcita di rinunce e sacrifici: tesse la sua tela da quando aveva 14 anni, non ha mai mancato di versare i contributi, eppure lo Stato le ha destinato una pensione che la colloca al di sotto della soglia di povertà, pari addirittura a 600 euro mensili.

Una cifra insufficiente per chiunque: la busta paga vola via tra tasse e bollette. “Siamo costretti a pagare anche l’aria che respiriamo”, precisa Luisa per giustificare la necessità di trascorrere ancora molte ore al giorno al telaio, mattina e pomeriggio, dopo aver inforcato gli occhiali da vista e nonostante gli acciacchi dell’età che avanza. “Quando mi stanco lascio tutto, mi occupo di altri servizi in casa e poi mi rimetto a lavorare”, spiega lei, con rassegnata semplicità.

E non parliamo certo di un’occupazione frivola perché il macchinario richiede forza fisica per essere tirato avanti e indietro, ed il mestiere impone una certa concentrazione. Il telaio serve a Luisa per realizzare dei centrini che venderà, al prezzo di pochi euro, ai suoi concittadini.

“Le leggi le fanno tutte per loro e non per noi – aggiunge -. E a noi poveri contadini, che abbiamo lavorato una vita, ci lasciano morire”.  Luisa ha rivolto a chi di dovere una semplice richiesta, che è perfettamente allineata con le rivendicazioni della maggior parte dei pensionati italiani: “Vorrei solo che ci aumentassero un po’ la pensione”.

E, nell’attesa che il governo risani questa vergognosa condizione riservata agli anziani del Paese, divenuti i nuovi poveri, Luisa al pari di molti altri cittadini sarà costretta a continuare a tessere e lavorare.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavorare a 80 anni: Luisa costretta sul telaio da una misera pensione

LeccePrima è in caricamento